Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'informatizzazione dell'attività amministrativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

obiettivamente razionalizzabili. Per altri modelli, pur maturati senza specifico riferimento all’informatica, il discorso è diverso. Al riguardo, l’individuazione delle strutture fondamentali di una nuova possibile tecnica legislativa può alternativamente avvenire alla stregua di un sistema normativistico, decisionistico, argo- mentativo o linguistico. Nel primo caso, la codificazione di regole formali preordinabili al trattamento automatizzato muove per lo più dalla formulazione di fattispecie generali ed astratte. Negli altri due, più vicini all’esperienza della common law, il modello di riferimento è rispettivamente offerto dal precedente giudiziario, e quindi dalle sentenze con cui i giudici hanno risolto casi simili, ovvero dall’interpolazione di basi argomentative e controar-gomentative, riferibili a determinate fattispecie in virtù dell’ ascrizione di un peso ponderato a ciascuna di esse con l’ausilio di tecniche di selezione logica. Il metodo linguistico, infine, invoca un’analisi degli atti linguistici attraverso cui si esplica l’attività normativa, da svolgersi per mezzo della strutturazione di un sistema di operatori logici costituenti, nell’insieme, la grammatica del testo 5 . Naturalmente, si tratta di temi che, nell’economia del presente lavoro possono solo riferirsi in termini puramente enunciativi. E’ tuttavia da dire che, se sulla scelta preferenziale di una certa modalità di elaborazione può influire il condizionamento am- bientale della dominante cultura giuridica, sì residuando ai legis- latori un ampio margine di apprezzamento, non altrettanto può dirsi per quanto attiene al risultato esiziale che da tale elaborazione può attendersi. Quale che sia il modello di riferimento, il più diffuso impiego dei cc.dd. sistemi legali esperti trova cioè, comunque, un impre- scindibile fondamento di operatività nella formalizzazione di un testo giuridico informaticamente intelligibile. A tal fine sembra innanzitutto necessario costringere il legislatore ad un maggiore sforzo di chiarezza e di coerenza, attraverso il coordinamento delle 5 All’esito di un’analisi siffatta, in particolare emerge la distinzione tra atti direttivi, volti a far sì che il destinatario tenga un certo comportamento, e atti dichiarativi, che realizzano diret- tamente il proprio contenuto proposizionale. Si è fatto notare che questo risultato è compatibile con la distinzione tra norme regolative e norme costitutive, caratteristica del normativismo. In entrambi i casi, sia pur muovendo da un diverso approccio, queste teorie definirebbero le entità giuridicamente rilevanti, coagu-landole intorno a fattispecie statiche (beni giuridicamente rilevanti) o dinamiche (comportamenti). Interpolandole, si potrebbe conclu-dere che le norme costitutive sono il risultato (il significato) degli atti dichiarativi, mentre le norme regolative sono il risultato (il significato) degli atti direttivi. Quanto alla distinzione tra norme che si rivolgono a tutti i cittadini (primarie) e norme che si rivolgono ai soli organi deputati ad applicare il diritto (secondarie) è invece da dire che questa non è immediatamente traducibile in una struttura incentrata sull’atto linguistico (BIAGIOLI, Valo- rizzazione degli aspetti pragmatici delle leggi, Informatica e diritto, 1999).

Anteprima della Tesi di Pierpaolo Matarazzo

Anteprima della tesi: L'informatizzazione dell'attività amministrativa, Pagina 6

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pierpaolo Matarazzo Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8882 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.