Skip to content

L'epistolario di Caterina di Cristo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 Concluso il suo noviziato, Caterina sapendo che con i voti avrebbe dovuto rinunciare ai suoi beni, ottenne l’abito di terziaria, si accordò con l’imperatrice d’Austria 16 , per fondare un Carmelo a Vienna. Progettata in segreto la fuga dal monastero, per dirigersi in Austria, fallì miseramente. La fuga fu denunciata al cardinale vicario di Roma. Caterina fu ritrovata presso una domestica di sua fiducia e su disposizione dei superiori dell’Ordine fu ricondotta a sant’Egidio e confinata nella segreta. Questa fuga sollevò uno scandalo con pochi precedenti nella Roma di allora. In seguito la Cesi ottenne, grazie agli stessi amici influenti un nuovo incontro col pontefice, che persuaso delle buone intenzioni, le concesse di fondare il desiderato monastero in Roma. Il 23 aprile 1627 in segreto e con grande celerità fu inaugurata la nuova realtà monastica. Per ordine di papa Barberini il Carmelo fu intitolato a santa Teresa di Gesù, fu così che in Roma si ebbe la prima chiesa intitolata alla mistica spagnola. Il 25 aprile Caterina Cesi emise la sua professione religiosa; la nuova clausura fu posta il 19 maggio 1627. La fondazione fu confermata da un breve papale intitolato Ad militantis ecclesiae re- gimini 17 . Nel 1630 Caterina è eletta priora della comunità. 16 Moglie di Ferdinando II (Graz 1578 - Vienna 1637), imperatore del Sacro romano impero (1619-1637), re di Boemia (1617-1619) e di Ungheria (1621-1625). Nipote dell’imperatore Ferdinando I, studiò presso i gesuiti e divenne sostenitore dei dettami del Concilio di Trento. Nel 1618, il tentativo di Ferdinando di restaurare il cattolicesimo in Boemia e la sua intolleranza verso i luterani determinò una reazione di protesta nota come Defenestrazione di Praga, che fu tra le cause dello scoppio della guerra dei Trent’anni. Nel 1629, con l’Editto di restituzione obbligò i principi protestanti a riconsegnare alla Chiesa cattolica tutti i beni sottratti in guerra; ben presto il suo tentativo di restaurare l’ortodossia nell’impero portò al divieto di professare qualsiasi altra confessione religiosa e all’espulsione dei protestanti. Nel 1634 Ferdinando predispose l’assassinio di Wallenstein, e questo, unito alla presenza sul trono svedese del re protestante Gustavo II Adolfo, indebolì ulteriormente l’autorità imperiale. Quando Ferdinando morì, molti dei suoi alleati lo avevano ormai abbandonato e la Francia si era schierata apertamente in sostegno dei protestanti; la conclusione della guerra dei Trent’anni spettò al figlio, Ferdinando III. Cfr. J. Wedgwood, La guerra dei Trent’anni, Dall’Oglio, Milano, 1964; sugli effetti della guerra dei trent’anni in Germania : G. Franz, Der dreissigjährige Kriege und das deutsche Volke, Stoccarda 1961 3 . 17 Da emendare in Ad militantis ecclesiae regimen.
Anteprima della tesi: L'epistolario di Caterina di Cristo, Pagina 7

Preview dalla tesi:

L'epistolario di Caterina di Cristo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Di Giorgio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Magistero
  Corso: Corso di perfezionamento in storia medievale
  Relatore: Elena Rotelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carmelitane
suor caterina di cristo
vita monastica
storia del cristianesimo
epistolari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi