Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sanzioni economiche e tutela dei diritti dell'uomo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

vii internazionale, misure che si concretizzano, per la maggiore, proprio nelle sanzioni economiche. Ma queste sanzioni così “pacifiche”, e allo stesso tempo così utili ed efficaci, possono veramente essere la panacea per risolvere tutti i mali? E soprattutto, sono veramente un mezzo così pacifico e neutrale come si afferma? Questo mio lavoro si prefigge lo scopo, attraverso un’analisi di natura giuridica, ma con il contributo di teorie anche economiche, politologiche, storiche, e sociali, di illustrare come le sanzioni non siano ormai più solo la “continuazione della politica con altri mezzi”, bensì come esse, al pari delle guerre che vanno a sostituire, possano determinare quelle stesse situazioni di illecito che si prefiggono di punire, in particolare per quanto riguarda i diritti dell’uomo; questa fattispecie è determinata, in particolare, dal venir meno del principio di proporzionalità rispetto all’illecito commesso, ovvero dall’utilizzo delle misure economiche come strumento di mera pressione politica. Se è vero che, dal tempo dell’ultima guerra mondiale, l’istituto delle sanzioni economiche si è sempre più diffuso, è anche vero che al maggior numero di episodi non è susseguita una sufficiente opera di regolamentazione del complesso di normative e prassi che le riguardano: è tuttora attuale la concorrenza di competenze fra gli organi universali delle Nazioni Unite e l’iniziativa individuale dei singoli Stati, e sempre più spazio cercano, in materia, le organizzazioni regionali e settoriali, insieme alle libere associazioni di Stati. In particolare, principale imputato della discussione è il Consiglio di Sicurezza, barcollante fra il ruolo di garante neutrale della pace e quello di arbitro di parte nella risoluzione delle controversie internazionali. La disamina sul potere del Consiglio di mantenere la pace senza ricorrere alle “misure implicanti l’uso della forza” indicate nell’articolo 42 della Carta è

Anteprima della Tesi di Cristiano Quattrini

Anteprima della tesi: Sanzioni economiche e tutela dei diritti dell'uomo, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cristiano Quattrini Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3169 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.