Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sanzioni economiche e tutela dei diritti dell'uomo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

viii la discussione sulle Nazioni Unite stesse, sul loro passato, sulla loro utilità presente, e sul loro futuro. Nel corso dei decenni, in parallelo al concetto di illecito internazionale, sempre più strada si è fatta nella definizione delle cosiddette “gross violations”, cioè della più alta manifestazione di violazione dei diritti dell’uomo. Ma qual è il vero rapporto fra le violazioni dei diritti dell’uomo che quotidianamente hanno luogo sulla scena internazionale, e le misure, in particolare quelle economiche, che si prefiggono di combatterle, ma che sempre più spesso vengono accusate di provocarne ulteriori? Lungi dal raggiungere una risposta definitiva, questo lavoro cerca di porre un po’ di ordine in una situazione confusa, dove le misure vincolanti delle Nazioni Unite si scontrano con la natura volontaria dell’adesione alle Convenzioni in materia umanitaria, dove la globalizzazione dei mercati deve quotidianamente fronteggiare le misure di embargo e di deviazione commerciale, dove ogni nuova risoluzione può dar luogo ad un dibattito di legittimità, dove la collaborazione dei molti viene messa in dubbio dalla titubanza e dall’agire di molti altri. Il filo conduttore di questa dissertazione è duplice: da un lato, ho cercato di definire lo spazio delle sanzioni economiche all’interno della vasta gamma di misure che lo Stato, e la comunità internazionale nel suo complesso, possono intraprendere di fronte alla violazione delle norme del diritto internazionale; è così apparso un impianto giuridico confuso, per così dire “in fieri”, nel quale la normativa pattizia non è ancora riuscita a fare ordine, e per il quale si è ancora restii a riconoscere l’esistenza di sufficienti norme consuetudinarie. Dall’altro lato, e a suffragio di queste considerazioni, nella seconda parte della trattazione sono state prese in considerazione alcune fattispecie particolari, casi emblematici del comportamento delle diverse istituzioni

Anteprima della Tesi di Cristiano Quattrini

Anteprima della tesi: Sanzioni economiche e tutela dei diritti dell'uomo, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cristiano Quattrini Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3169 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.