Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sanzioni economiche e tutela dei diritti dell'uomo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Fermo restando il divieto di minaccia o di utilizzo della forza sancito dall’art. 2 par. 4 della Carta delle Nazioni Unite 4 , l’autotutela può configurarsi principalmente in due modi. Innanzi tutto, vi è la contromisura, o rappresaglia, che consiste in un comportamento da parte dello Stato leso di per sé illecito, ma permesso in quanto reazione ad un illecito altrui. Nella categoria delle contromisure si inseriscono anche la legittima difesa, prevista dall’art. 51 ONU 5 , che rappresenta l’unica deroga prevista nel diritto internazionale al divieto dell’uso della forza e consiste nella risposta ad un attacco armato, e il principio cosiddetto “inademplendi non est inademplendum”, che autorizza uno Stato a sospendere l’applicazione di un accordo nei confronti di un altro Paese che abbia violato l’accordo medesimo. La seconda tipologia di autotutela è la ritorsione: questa è attuata attraverso un comportamento inamichevole, come per esempio la rottura parziale o totale dei rapporti diplomatici o economici, che non rappresenta in sé una violazione di norme internazionali, e che quindi, a differenza della contromisura, può essere attuata anche indipendentemente da una previa infrazione di obblighi internazionali. Alcune correnti di pensiero 6 attribuiscono alla disciplina dell’autotutela la sola funzione punitiva, dando perciò una giustificazione in termini giuridici solamente all’istituto della rappresaglia; la ritorsione, in questo caso rappresenterebbe quindi unicamente una manifestazione dell’assoluta sovranità dello Stato sul proprio comportamento, sentendosi libero di 4 “I Membri devono astenersi nelle loro relazioni internazionali dalla minaccia o dall’uso della forza, sia contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di qualsiasi Stato, sia in qualunque altra maniera incompatibile con i fini delle Nazioni Unite” 5 “Nessuna disposizione del presente Statuto pregiudica il diritto naturale di autotutela individuale o collettiva, nel caso che abbia luogo un attacco armato contro un Membro delle Nazioni Unite (…)” 6 Cfr. C.FOCARELLI, Le contromisure nel diritto internazionale, Milano, 1994, p. 57

Anteprima della Tesi di Cristiano Quattrini

Anteprima della tesi: Sanzioni economiche e tutela dei diritti dell'uomo, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cristiano Quattrini Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3169 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.