Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sanzioni economiche e tutela dei diritti dell'uomo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 come sanzione, 8 rappresenterebbe una visione anacronistica del problema, in quanto la società odierna ci mostra una vasto esempio di decisioni prese unilateralmente riguardo all’entità o alla natura delle risorse da destinare ai Paesi in via di sviluppo; una decisione magari dettata da ragioni di politica economica nazionale, verosimilmente per ridurre il disavanzo pubblico, rischierebbe di trasformarsi in una questione di illecito internazionale. La preoccupazione, in particolare, dei Paesi economicamente meno floridi di limitare l’uso delle sanzioni economiche attraverso una ben determinata interpretazione della Carta delle Nazioni Unite è comprensibile se si considera che queste vengono messe in pratica solamente dagli Stati che hanno la forza economica di sopportarne gli effetti collaterali: un simile comportamento crea quindi due categorie ben distinte, i Paesi finanziariamente forti che attuano le sanzioni, e i Paesi più “deboli” che le subiscono. Fu il Brasile, per esempio, a proporre, durante la conferenza di San Francisco per la stesura dello Statuto ONU, un emendamento all’art.2 par. 4 ove si vietasse anche la coercizione economica 9 , ma di questo intervento non troviamo oggi traccia nella stesura definitiva, in quanto accolto da una minorità di Stati. Storicamente, vi furono ulteriori tentativi di ricondurre le sanzioni economiche all’illiceità: durante i lavori preparatori per la Dichiarazione sulla Definizione di Aggressione del 1974 10 , si discusse in merito all’introduzione delle misure coercitive a carattere economico nel concetto di aggressione, con i paesi socialisti e latino-americani a favore, ma alla fine 8 Cfr. infra, p. 7 9 Cfr. Documents of the United Nations Conference on international organisation, 1945, vol. VI, p. 559 10 Cfr. Risoluzione dell’Assemblea Generale n. 3314 XXIX del 14/12/1974, “Definizione di Aggressione”, e Allegato A

Anteprima della Tesi di Cristiano Quattrini

Anteprima della tesi: Sanzioni economiche e tutela dei diritti dell'uomo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cristiano Quattrini Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3169 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.