Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Verifica di protocolli di sicurezza crittografici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Un requisito di questo genere di solito viene infatti utilizzato per stabilire una corrispondenza tra un messaggio inviato durante una sessione del protocollo e la sessione stessa. Supponiamo che un agente A spedisca un messaggio a B per ottenere una informazione legata in qualche modo allo stato di B nel momento nel quale A spedisce il messaggio. Ad esempio A potrebbe voler conoscere il valore di un contatore interno a B. A in un certo istante A invia a B una messagio tramite il quale manifesta a B la volonta` di conoscere il valore di tale contatore. Supponiamo che tale contatore, nel momento in cui B riceve questa richiesta, abbia un determinato valore v. B allora invia ad A un altro messaggio mB nel quale indica il valore v. Un utente malizioso C intercetta tale messaggio mB. Successivamente A intende conoscere il nuovo valore che tale contatore interno a B ha assunto. Indichiamo tale valore con v′. Ovviamente v′ non necessariamente coincide con v. A invia nuovamente la richiesta all’agente B. Tuttavia tale richiesta viene intercettata da C, che invia ad A il messaggio mB ottenuto dalla sessione precedente. • Il valore del contatore interno a B assume il valore v. • A invia a B il messaggio mA = ”comunicami il valore del tuo contatore interno”. • B invia ad A il messaggio mB = ” il valore del mio contatore interno e` v”. • Il messaggio mB viene intercettato da C e da questi ritrasmesso ad A. • A riceve il messaggio mB deducendo che il valore del contatore interno a B sia v. • . . . • il valore del contatore interno a B assume un nuovo valore v′. • . . . • A invia a B il messaggio m′A = ”comunicami il valore del tuo contatore interno”. • Tale messaggio viene intercettato da C. • C invia ad A il messaggio mB, nel quale era indicato il valore v. • A, quando riceve tale messaggio, si convince che il contatore interno a B abbia ancora il valore v, mentre tale contatore gia` prima dell’inizio della sessione aveva assunto il valore v′. 10

Anteprima della Tesi di Cristiano Longo

Anteprima della tesi: Verifica di protocolli di sicurezza crittografici, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Cristiano Longo Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 892 click dal 18/06/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.