Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Moda e caratterizzazioni nazionali: testi e variazioni. La costruzione identitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 1. LA SEMIOTICA GENERATIVA GREIMASIANA L’approccio teorico cui questo lavoro fa riferimento è quello della semiotica generativa greimasiana, paradigma che si è caratterizzato nel tempo per un forte orientamento dell’analisi in senso testuale. Se alle sue origini la semiotica incentrava le sue analisi sul concetto di segno, negli anni Sessanta si è verificato uno spostamento di ottica, che ha trasferito l’attenzione dell’analisi sui testi; tale spostamento di prospettiva ha portato con sé l’articolazione dei testi in strutture superficiali e strutture profonde. In questo modo, anche forme espressive diverse dalle lingue naturali venivano ad assumere le stesse possibilità di manifestare un’organizzazione narrativa: «si tratta di indagare come, al di là della manifestazione scelta per esprimerlo, sia pensabile una forma di organizzazione del senso in grado di passare trasversalmente alla diversità delle lingue naturali e all’eterogeneità delle forme d’espressione» (Marsciani – Zinna, 1991). Di conseguenza, la semiotica prende ad interrogarsi circa i sistemi di significazione; è lo stesso Greimas che, nel Dictionnaire, alla voce “Semiotica”, scrive che non è il segno il reale oggetto del suo studio, quanto piuttosto il progetto di costruire una teoria generale dei sistemi di significazione. Greimas, nell’introduzione a Del senso nel 1970, si augura di poter realizzare «il progetto di una semiotica formale […] in grado di descrivere le articolazioni e le manipolazioni di qualsiasi contenuto. In questo modo forse non si riusciva a dire che cosa fosse il senso, ma, in compenso, si poteva analizzare il modo in cui si manifestava e si trasformava» (Magli – Pozzato, 1984). Tale semiotica deve essere in grado non tanto di analizzare il segno osservabile, collocandosi a livello della manifestazione, quanto di ricostruire i procedimenti attraverso cui il senso viene generato: il senso non viene colto nell’osservazione della sua manifestazione superficiale, ma attraverso un’ipotesi circa la sua generazione, ricostruendo il percorso che porta le strutture semantiche profonde, attraverso la messa in discorso, alla

Anteprima della Tesi di Elisa Bianchini

Anteprima della tesi: Moda e caratterizzazioni nazionali: testi e variazioni. La costruzione identitaria, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Bianchini Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4229 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.