Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Moda e caratterizzazioni nazionali: testi e variazioni. La costruzione identitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 espressione testuale compiuta. Lo stesso Greimas, nel Dictionnaire scrive «L’oggetto principale della teoria semiotica è per noi […] la determinazione delle condizioni della produzione e della comprensione del testo». Al contrario della semiotica interpretativa di tradizione peirceiana, incentrata sulla manifestazione del segno osservabile, e dunque su un approccio di tipo genetico, la teoria generativa di Greimas predilige un’attitudine al testo di segno generativo, privilegiando la comprensione dei meccanismi di produzione del senso e il loro articolarsi in un percorso ben preciso e determinato. Ciò che caratterizza fin dall’inizio l’approccio greimasiano è la sua organizzazione gerarchica: la semiotica si presenta come una serie di livelli metalinguistici, che si rapportano in base ad un’organizzazione formale fondata sul principio di presupposizione logica. 1.1 IL PERCORSO GENERATIVO Da quanto abbiamo finora detto, risulta chiaro come la teoria greimasiana si proponga di definire il senso sulla base dei modi della sua produzione. Grazie allo studio di diverse forme di espressione, Greimas rinviene alcune invarianti, alcune costanti che ricorrono nella produzione di senso di qualsiasi oggetto semiotico; attraverso l’organizzazione formale di tali invarianti, egli è in grado di ricostruire una sorta di percorso, un insieme gerarchico di livelli che il senso deve attraversare per raggiungere la manifestazione testuale. Il percorso generativo parte dal livello profondo dei tratti logico-semantici, attraversa piani via via più superficiali, e infine, attraverso le procedure di enunciazione, si converte in una struttura narrativa di superficie. In questo modo, «ogni testo è solo l’evidenza e la memoria della sua storia generativa» (Magli – Pozzato, 1984). E’ alla base di questa costruzione la convinzione di fondo che qualsiasi testo presenti una struttura superficiale di tipo narrativo, attraverso la quale si manifesta: la forma narrativa sarebbe dunque il denominatore comune di tutte le manifestazioni

Anteprima della Tesi di Elisa Bianchini

Anteprima della tesi: Moda e caratterizzazioni nazionali: testi e variazioni. La costruzione identitaria, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Bianchini Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4229 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.