Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'industria alimentare e il caso dei prodotti biologici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Logicamente gli effetti di tali impegni sui mercati agricoli interni ed internazionali avranno sul sistema agro - alimentare comunitario e nazionale una serie di conseguenze: ad esempio a partire dai primissimi anni del nuovo millennio, le eccedenze (in particolare del settore cerealicolo, della carne bovina e lattiero – caseario) non potranno più essere smaltite sui mercati internazionali a causa dei limiti imposti agli aiuti all’export (le alternative esistenti sono di due tipi: imporre restrizioni alla produzione interna, o allineare progressivamente i prezzi a quelli mondiali, in modo da rendere più competitive le nostre produzioni). Un altro effetto si concretizza sul costo delle materie prime: l’impossibilità di sovvenzionare le esportazioni in presenza di prezzi comunitari più elevati di quelli mondiali potrebbe comportare un effetto delocalizzativo sulle industrie europee di trasformazione, con la conseguenza che l’approvvigionamento delle materie prime non avverrebbe più ricorrendo all’offerta dei produttori comunitari. L’incontro della Wto, tenutosi il 30 novembre 1999, per lanciare il Millennium Round per liberalizzare i commerci, non ha avuto gli effetti sperati dai 135 paesi membri. Nel campo dell’agricoltura, i dossier che hanno fatto saltare l’accordo riguardano le biotecnologie ( Stati Uniti, Canada, Australia, Argentina, Cile e Uruguay premono per l’apertura e liberalizzazione dei prodotti biotecnologici mentre l’ Ue li respinge) e le sovvenzioni all’export (i sussidi all’esportazione agricola mondiale sono per l’ 85% europei: gli americani e i Pvs vorrebbero eliminarli per consentire alle proprie merci di essere ancora più competitive mentre l’Ue si oppone chiedendone una progressiva riduzione).

Anteprima della Tesi di Francesco Marchina

Anteprima della tesi: L'industria alimentare e il caso dei prodotti biologici, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Marchina Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8975 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.