Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di classificazione automatica nella ricerca sociale: un'analisi delle risorse e dei vincoli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4Capitolo 1 LA CLASSIFICAZIONE COME ATTIVITA’ SCIENTIFICA 1. LA CLASSIFICAZIONE E’ PARTE DELLA CONOSCENZA La classificazione accompagna sempre la conoscenza umana; anzi, si può dire che essa sia un aspetto imprescindibile del momento cognitivo. L’uomo, infatti, non si accontenta mai di studiare il singolo evento; spesso la sua curiosità va oltre ciò che è unico e si confronta con la varietà, il disordine del mondo. E’ proprio in questa sede, cioè nell’analisi del molteplice, che interviene quella naturale propensione al confronto, a raggruppare ciò che è simile, a creare categorie mentali. La classificazione serve all’uomo per cristallizzare, in maniera convenzionale, una realtà sempre cangiante, per affrontare la totalità e renderla intelligibile. L’operazione di classificazione viene sperimentata quasi istintivamente da parte dei bambini. Piaget (1959) ha descritto tale esperienza distinguendola in tre fasi: essa comincia con il riconoscimento delle somiglianze tra coppie di oggetti, culminando con la comprensione del concetto di gerarchizzazione, e con la capacità di costruire forme isomorfe. Tali strutture, ovviamente, non esistono in sé: esse sono l’espressione della nostra capacità di categorizzare (Gil, 1981). La tendenza a classificare è una facoltà umana. Essa è propria del bambino e dell’adulto, dell’uomo comune così come dello scienziato. Le scienze, infatti, si basano sull’ipotesi che esista un ordine dei fenomeni e che l’uomo possa comprendere tale ordine. Dunque il raggruppamento dei fenomeni e la spiegazione di tale classificazione sono il sintomo dell’esistenza di un livello di conoscenza all’interno di una disciplina (Tiryakian, 1968). Lo scienziato si trova spesso di fronte a un’ingente mole di dati, per affrontarli è costretto a ignorare i particolari, e ad organizzare il suo materiale distinguendolo in categorie.

Anteprima della Tesi di Chiara Brunelli

Anteprima della tesi: Strategie di classificazione automatica nella ricerca sociale: un'analisi delle risorse e dei vincoli, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Chiara Brunelli Contatta »

Composta da 217 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1007 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.