Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il caso LaGrand e la tutela internazionale dei diritti umani

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 8 Spesso si parla di una possibile coincidenza tra gli ambiti d’azione della protezione diplomatica e dei diritti umani. In realtà, anche quando tale coincidenza si manifesta, è sempre lontana dall’essere perfetta. Quanto all’influenza del diritto internazionale dei diritti umani sulle condizioni classiche d’esercizio della protezione diplomatica, che sono l’esaurimento dei ricorsi interni e il legame di nazionalità, si può affermare che quest’ultima si presenta in modo abbastanza chiaro. Per quel che riguarda l’esaurimento dei ricorsi interni, questa regola ha subito varie deroghe nell’ambito della protezione internazionale dei diritti umani. Tale obbligo, infatti, viene meno nel caso in cui il ricorrente sia, di fatto, impedito dall’avere accesso ai ricorsi esistenti o quando lo Stato difensore gli impedisca di accedere alle istituzioni che regolano questi ricorsi. In relazione all’esigenza del legame di nazionalità, invece, la suddetta influenza sulla protezione diplomatica ha portato a due risultati: da un lato alla protezione diplomatica dei rifugiati e degli apolidi 5 , dall’altra alla protezione diplomatica degli stranieri vittime di violazione di una norma di jus cogens. 5 Il primo rapporto sulla protezione diplomatica, presentato nel 2000 davanti alla Commissione di diritto internazionale, stabilisce, in una prospettiva di sviluppo progressivo del diritto internazionale, che uno Stato può esercitare la protezione diplomatica a favore di un apolide o di un rifugiato se l’interessato risiede abitualmente e legalmente sul territorio dello Stato richiedente e ha un legame effettivo con tale Stato, a condizione che il danno abbia avuto luogo dopo che l’interessato sia divenuto residente legalmente sul territorio dello Stato richiedente.

Anteprima della Tesi di Gabriela Germani

Anteprima della tesi: Il caso LaGrand e la tutela internazionale dei diritti umani, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gabriela Germani Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10503 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.