Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratterizzazione e valutazione delle proprietà complessanti di materiali a base di ciclodestrina

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L'amilosio (PM: 3-4 10 4 ), che è responsabile del colore blu dato dall'amido con lo iodio, forma facilmente aggregazioni in soluzione dando luogo a un precipitato; questo fenomeno è conosciuto come retrogradazione. L'amilopectina (PM: > 10 6 ), che non forma il complesso con lo iodio, è la responsabile della formazione del gel d'amido. La maggior parte degli amidi contengono il 15-25% di amilosio (il rimanente è amilopectina), fanno eccezione alcune varietà di mais e riso che contengono solo amilopectina pura. Gli amidi di certe varietà di pisello e di giglio contengono più del 75% di amilosio [29]. Diversi studi condotti con tecniche spettroscopiche, quali raggi X, NMR e IR hanno permesso di distinguere nell'amido allo stato cristallino 4 diverse forme: A, B, V h , V a . Attraverso l'impiego dei raggi X viene evidenziato come l'allomorfo A e quello B presentano una configurazione a doppia elica destrogira, mentre gli allomorfi V h e V a hanno una conformazione a singola elica levogira [58-59]. Nell'amido nativo si possono notare micelle con struttura microscopica chiamata granulo costituito da molecole di amilosio, amilopectina e limitate quantità d'acqua. L'amido è soggetto all'attacco di diversi enzimi, particolarmente importanti sono 2 tipi di amilasi: l' α-amilasi e la β-amilasi. La prima è un endoenzima che idrolizza i legami glucosidici α (1,4) mentre la seconda è un esoenzima che attacca il secondo legame glucosidico di una catena α (1,4) fino a che la terza unità di glucosio presenta una ramificazione in C 6 o al raggiungimento dell'unità riducente. Un ruolo di particolare importanza è rivestito dall'amiloglucosidasi, un esoenzima capace di idrolizzare l'ultimo legame glicosidico della catena formando esclusivamente glucosio [60]. Non tutto l'amido è idrolizzabile dalle amilasi, la parte rimasta inalterata viene chiamata amido resistente. Questa frazione è dipendente da diversi fattori quali: l'origine dell'amido, il grado di ramificazione, la cristallinità, la presenza di sali e lipidi degli involucri esterni e la storia termica.

Anteprima della Tesi di Alessandro Ficarra

Anteprima della tesi: Caratterizzazione e valutazione delle proprietà complessanti di materiali a base di ciclodestrina, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Alessandro Ficarra Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3027 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.