Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le organizzazioni territoriali dell’innovazione, il caso Sophia Antipolis

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Nel parco devono trovare dunque sede strutture di studio e di ricerca che consentano di provocare il mutamento tecnologico e che siano in grado di collegarsi con la produzione a grande e piccola scala. E’ ormai largamente acquisito che le piccole e medie imprese, e non solo i grandi colossi nazionali e multinazionali, possono introdursi con successo, grazie anche alla loro flessibilità e plasticità, in esperimenti di questo genere. La stretta correlazione tra ricerca, università e sviluppo economico consente l’affinamento del know how, la messa a punto di nuove tecniche, la riduzione dei costi, l’aumento della produttività. Alla base della fertilizzazione incrociata tra università ed impresa è la condizione che l’una vada oltre i compiti tradizionali di didattica e ricerca, e che l’altra sia disposta a correre il rischio di nuove iniziative, di nuovi investimenti, di nuovi prodotti, stabilendo alleanze strategiche di vario genere anche, e soprattutto, internazionali. Tra l’altro nell’ambito della Comunità Europea, il programma COMETT, adottato nel 1987, punta proprio su questi obbiettivi di cooperazione internazionale tra imprese e università, per favorire una diffusione delle tecnologie avanzate, una formazione professionale progredita, uno spirito imprenditoriale aperto all’innovazione. In queste stesse linee strategiche sembrano appunto collocarsi istituzioni come i parchi scientifici. Anche per l’ampliamento progressivo degli orizzonti operativi, si rende qui indispensabile una proficua collaborazione tra sfera pubblica e sfera privata. Certo questo rapporto dipende

Anteprima della Tesi di Andrea Langkraer

Anteprima della tesi: Le organizzazioni territoriali dell’innovazione, il caso Sophia Antipolis, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Langkraer Contatta »

Composta da 263 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1676 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.