Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un'analisi dei meccanismi di coordinamento, incentivazione, controllo nei gruppi di lavoro ed integrazione nell'organizzazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 fondamentali - bisogno, interazione, senso di appartenenza, identità - quali condizioni essenziali affinché ogni singolo individuo possa essere qualificato come “membro” di un gruppo. Lo studio, in seguito, procede verso ciò che costituisce l’oggetto di questa tesi, rivestendo di connotati economici la definizione di gruppo e i suoi elementi essenziali; per un’analisi più approfondita ci si è riferiti al modello tratto da Aoki (1984), in grado di identificare e definire in maniera formale delle “regole del gioco” in cui circoscrivere le azioni ed i comportamenti di ogni agente all’interno di un gruppo di lavoro, attraverso una rappresentazione in cui l’impresa appare come istituzione preposta a definire tali regole. In quest’analisi è emerso il valore e l’importanza delle norme istituzionali e culturali, quali vincoli che l’impresa adotta affinché sia possibile sostenere un processo basato sull’accordo spontaneo tra gli agenti, e al contempo rivestono un ruolo di coordinamento tra gli obiettivi perseguiti dall’azienda e quelli del gruppo di lavoro. Il modello adottato, definisce quindi una struttura e dei confini ben precisa in cui avviene il processo di interazione tra i membri di un gruppo, evidenziando attraverso uno schema rappresentativo di fasi logiche sequenziali, tre elementi: la complessità, la dinamica e la natura del legame che unisce gli agenti. Il termine “complessità” vuole identificare il rapporto di interdipendenza tra le azioni e scelte di comportamenti che ogni agente può adottare, queste scelte, per quanto limitate da vincoli normativi (che definiscono ciò che è condiviso e che unisce il gruppo), prevedono un certo grado di discrezionalità concessa ad ogni individuo, e proprio in questa discrezionalità emerge il confronto tra soggetti con idee, percezioni, competenze differenti, con le relative problematiche che si sviluppano quando il confronto porta a contrasti tra i partecipanti. Con il termine “dinamiche interne”, si vuole evidenziare la caratteristica per cui un gruppo non è mai stabile nel tempo, ma in continua evoluzione e sviluppo, questo comporta che la realizzazione di un progetto comune all’interno di un gruppo presenterà un problema di ricerca e mantenimento di un equilibrio (problema caratteristico della fase relativa al processo decisionale).

Anteprima della Tesi di Silvia Gazzoni

Anteprima della tesi: Un'analisi dei meccanismi di coordinamento, incentivazione, controllo nei gruppi di lavoro ed integrazione nell'organizzazione, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Gazzoni Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5493 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.