Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Organizzazione del lavoro e gestione delle risorse umane: il caso Hard Rock Cafe

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 - La “sincronizzazione”, in altre parole l’assoggettamento di tutti i tipi di attività, economiche e non, al vincolo dei ritmi della catena di montaggio e, più in generale, alle cadenze temporali definite dall’inizio e dalla fine di determinate azioni; - La “concentrazione”, che riguarda sia l’addensarsi di risorse produttive ed energetiche nelle città, sia l’aspetto derivato dall’urbanesimo, dove nasce la specializzazione dell’area cittadina con spazi dedicati alla produzione, zone abitate dal proletariato, luoghi dedicati alla finanza e quartieri per l’alta borghesia; - La “massimizzazione”, intesa come chiave interpretativa del periodo industriale e sinonimo di efficienza, diviene l’indicatore simbolo del successo delle industrie; - La “centralizzazione”, da cui deriva la tendenza delle imprese di coordinare e organizzare le industrie attraverso un unico blocco di potere centrale. La peculiarità di Toffler sta proprio nella sua lettura della società industriale come la frattura tra la “prima” e la “terza ondata”; la “seconda ondata” è da lui definita come una parentesi nella storia, nella quale l’uomo ha accumulato le risorse e i beni.

Anteprima della Tesi di Antonella Anzeloni

Anteprima della tesi: Organizzazione del lavoro e gestione delle risorse umane: il caso Hard Rock Cafe, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Antonella Anzeloni Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 27269 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.