Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le direttive anticipate di trattamento in ambito medico sanitario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 b) Esiste, da una parte un principio di prova (in genere deposizioni testimoniali) in base al quale il paziente avrebbe esplicitamente rifiutato tale trattamento sanitario e, dall’altra, il dolore e la sofferenza subiti dal paziente stesso superano i benefici che gli potrebbero derivare per la parte residua della vita. (criterio parzialmente oggettivo). c) I dolori che al paziente sono dati dall’applicazione del trattamento artificiale non solo superano i benefici possibili a lui derivanti dalla prosecuzione della vita, ma rendono la stessa sostanzialmente disumana. (criterio puramente oggettivo, che si basa sul best interest of the patient) . I due criteri di tipo oggettivo non possono essere applicati a persone in stato vegetativo persistente, dato che non possono provare alcun tipo di emozioni, e riguardano ipotesi in cui rimanga qualche capacità cognitiva. Nel caso in re Conroy si verificò appunto questa situazione. Nella successiva sentenza in re Jobes, del 1987, relativa ad una paziente in stato vegetativo persistente, la Corte Suprema del New Jersey riafferma la dottrina del “substituted judgement” espressa in re Quinlan: nel caso in cui i desideri dell’incapace non siano chiaramente espressi, colui che prende decisioni in sua vece adotta come linea di orientamento il personale sistema di valori del paziente sempre nel rispetto delle procedure di accertamento medico. La sentenza conclude esprimendo ancora

Anteprima della Tesi di Rossana Trabucco

Anteprima della tesi: Le direttive anticipate di trattamento in ambito medico sanitario, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Rossana Trabucco Contatta »

Composta da 252 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6727 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.