Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie competitive nel settore lattiero caseario. Il caso Auricchio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Sempre nel 1997, a 120 anni dalla fondazione dell’Azienda, viene creato il nuovo marchio “Riserva Esclusiva Gennaro Auricchio” (REGA), un sigillo di qualità superiore, che firma in modo esclusivo undici formaggi che rappresentano il meglio della tradizione e della produzione italiana. AURICCHIO, grazie alla profonda e secolare conoscenza produttiva e commerciale, li ha selezionati per il consumatore più esigente. Nell’autunno del 1998 è stato attuato un completo restyling della gamma provolone da taglio in forme intere. Per ovviare ai problemi di non riconoscibilità da parte del consumatore, al prodotto frazionato da forme di grandi dimensioni, è stata applicata una speciale “peloure”, cioè una carta molto leggera prestampata con inchiostri adatti agli alimenti, in modo da coprire il più possibile la superficie del provolone con una sorta di filigrana inconfondibile. In questo modo, quando un acquirente chiede il provolone Auricchio, può immediatamente verificare se è quello “firmato” e riconoscere dal colore della filigrana il tipo di provolone: il marchio Auricchio è sempre in rosso, ma il piccante ha la scritta in colore bruno- bruciato, il dolce in colore azzurro. Sulla scia di tale operazione, è stata lanciata una grande campagna pubblicitaria televisiva, con famosi testimonial come Claudio Lippi, Iva Zanicchi, Ela Weber, Alessia Mancini ed Enrico Montensano, dallo slogan “Auricchio, se non lo vedi, non ci credi”. Lo slogan attuale è “Provoloni si nasce, Auricchio si diventa” a sottolineare sempre più la diversificazione del prodotto a marchio AURICCHIO da tutto il resto e la capacità e la genuinità nella sua produzione. Sempre a partire dal 1998 e coerentemente con la strategia di affermare il proprio marchio su più mercati possibili, AURICCHIO presenta il proprio sito internet: un semplice sito-vetrina di facile navigazione con la presentazione di tutti i prodotti a marchio Auricchio ed alcuni consigli utili per come apprezzare al meglio questi prodotti in cucina. Con il nuovo secolo prosegue sempre la politica di espansione: nel novembre 2000 AURICCHIO effettua un’ulteriore acquisizione; con l’intento di potenziare la presenza aziendale in Sardegna, insistere con il pecorino romano e diversificare ulteriormente la produzione tenendo conto delle richieste dei consumatori nazionali

Anteprima della Tesi di Alessandro Iride

Anteprima della tesi: Le strategie competitive nel settore lattiero caseario. Il caso Auricchio, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Iride Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4388 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.