Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologia cinematica per la misura delle polveri sottili in ambiente urbano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - Inquinamento atmosferico - - 16 - quantità di biossido di azoto. I composti che costituiscono lo smog fotochimico sono sostanze tossiche per gli esseri umani, per gli animali ed anche per i vegetali, e inoltre sono in grado di degradare molti materiali diversi per il loro forte potere ossidante. Affinche’ questo fenomeno si manifesti si devono verificare delle precise condizioni ambientali. Se questi requisiti persistono, allora si realizzano un gran numero di reazioni chimiche che comportano la formazione dello smog fotochimico. Queste condizioni comprendono: • la presenza della luce solare che funge da catalizzatore • una temperatura di almeno 18°C, necessaria perché molte delle reazioni del processo di formazione dello smog fotochimico richiedono specifiche energie di attivazione (garantite dalla temperatura relativamente alta) • la presenza di composti organici volatili (VOC) • la presenza di ossidi di azoto I VOC costituiscono un gruppo di composti organici che evaporano rapidamente all’aria nelle normali condizioni di pressione e temperatura. Questo gruppo comprende sostanze come il benzene, l’etanolo ed il tricloroetano e miscele come la benzina e la trementina. La loro presenza nell’aria è dovuta principalmente alla combustione incompleta dei combustibili fossili, all’evaporazione di solventi e di carburanti ed alla combustione del materiale vegetale. Gli ossidi di azoto vengono emessi principalmente nel corso dei processi di combustione, con le emissioni degli autoveicoli che utilizzano i combustibili fossili, con la combustione di legna e gas in stufe e cucine e con l’incenerimento dei rifiuti. Una parte significativa di NO x deriva anche dagli incendi boschivi, dall’azione dei fulmini e dai vari processi microbiologici. In ogni caso, le emissioni naturali di VOC e di NO x sono in genere diffuse in zone estese, tanto che i danni provocati da questi inquinanti risultano secondari.

Anteprima della Tesi di Stefano Petronio

Anteprima della tesi: Metodologia cinematica per la misura delle polveri sottili in ambiente urbano, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Petronio Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1669 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.