Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologia cinematica per la misura delle polveri sottili in ambiente urbano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - Inquinamento atmosferico - - 5 - approssimativamente di 700 °C, ma può variare da 300°C, durante il minimo di irradiazione solare, a 1.700 °C al massimo di radiazione solare. La parte di atmosfera che ci interessa piu’ da vicino e’ la cosiddetta troposfera in cui e’ concentrata la maggior quantita’ di aria che respiriamo e che quindi permette la continuazione della vita. Questa e’ anche quella maggiormente influenzata dall’inquinamento atmosferico, eccezione fatta per l’ozonosfera (tratto di stratosfera posta fra i 20 e i 30 km di altezza) che risente di particolari e piu’ resistenti tipi di inquinanti quali i clorofluorocarburi che partecipano direttamente alla diminuzione dell’ozono in essa contenuto. Caratteristica peculiare della troposfera e’ la diminuzione costante di temperatura con l’altezza (7° per km) che permette la dispersione degli inquinanti in quota: tant’e’ che in particolari condizioni, ossia quando la temperatura comincia a crescere con l’allontanarsi dalla superficie terrestre (stato di inversione termica) gli inquinanti vengono schiacciati e mantenuti a livello del suolo. Spesso la natura ha i mezzi per proteggersi dall’inquinamento: infatti se il fenomeno non supera certi limiti, non sussistono particolari motivi di preoccupazione perche’ le sostanze estranee vengono rapidamente diluite e disperse grazie ai venti e alle correnti, che aumentano fortemente la mobilita’ delle particelle in aria, e le precipitazioni, che sciolgono e abbattono le sostanze inquinanti. Si viene quindi a ristabilire col tempo un certo equilibrio. Se l’immissione di sostanze estranee e’ eccessiva o continuata, o se concentrata in spazi ristretti, si puo’ avere un ristagno pericoloso di sostanze nocive a contatto con il suolo tali da rendere vani e inutili i correttivi naturali. I fenomeni che concorrono ad inquinare l’aria possono essere naturali, quali ad esempio le emanazioni vulcaniche, le decomposizioni di organismi e le polveri sollevate dal vento. Oggi, tuttavia, le principali cause di inquinamento risiedono nell’ enorme

Anteprima della Tesi di Stefano Petronio

Anteprima della tesi: Metodologia cinematica per la misura delle polveri sottili in ambiente urbano, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Petronio Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1669 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.