Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologia cinematica per la misura delle polveri sottili in ambiente urbano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - Inquinamento atmosferico - - 9 - L’inquinamento dell’aria di origine antropogenica si sprigiona dalle grandi sorgenti fisse (industrie, impianti per la produzione di energia elettrica ed inceneritori), da piccole sorgenti fisse (impianti per il riscaldamento domestico) e da sorgenti mobili (il traffico veicolare). L’impatto degli inquinanti sull’uomo pero’ dipende dalla zona di produzione degli inquinanti e dalla loro dispersione. Le grandi sorgenti fisse, spesso localizzate lontano dai più grandi centri abitati, disperdono nell’aria a grandi altezze, mentre il riscaldamento domestico ed il traffico producono inquinanti che si liberano a livello del suolo in aree densamente abitate. Come conseguenza, le sorgenti mobili e quelle fisse di piccole dimensioni contribuiscono in modo maggiore all’inquinamento dell’aria nelle aree urbane e, quindi, attentano alla salute pubblica di più di quanto non si potrebbe supporre facendo un semplice confronto quantitativo fra i vari tipi di emissioni. L’ inquinamento piu’ preoccupante e’ quello che l’uomo produce per soddisfare le proprie necessita’ civili ed industriali. Il primo e più diffuso tipo di inquinamento è quello prodotto dai processi di combustione che l’uomo utilizza sia per riscaldarsi, sia per cuocere i cibi, sia per alimentare i propri veicoli e macchinari. In questo campo si è assistito ad un processo evolutivo per quanto riguarda i combustibili utilizzati (legna → ligniti e carboni → petrolio e derivati), con produzione di emissioni costantemente in crescita quantitativamente, ma di migliori caratteristiche qualitative. Parallelamente l’evoluzione della società verso forme di aggregazione maggiore (costruzione di grandi agglomerati urbani), ha portato ad una concentrazione degli inquinanti in aree ridotte. Va considerato inoltre che le esigenze della popolazione attuale sono ben maggiori di quelle dei nostri predecessori, in particolare per quanto riguarda il riscaldamento, la locomozione, la produzione di beni di consumo. Altri tipi di inquinanti di origine antropica sono quelli che vengono prodotti nel corso di particolari cicli tecnologici. Questi composti vengono liberati in quantità notevolmente inferiori e per questo

Anteprima della Tesi di Stefano Petronio

Anteprima della tesi: Metodologia cinematica per la misura delle polveri sottili in ambiente urbano, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Petronio Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1669 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.