Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La libertà di manifestazione del pensiero in rete con particolare riferimento all'esperienza Nord Americana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 prima di intervenire, per capire quali argomenti trattano i partecipanti e quali sono invece fuori luogo. Infine, bisogna seguire le regole stabilite dal moderatore (se c’è), poiché è lui che stabilisce le netiquette della lista. j) Non iscriversi ad una mailing list o leggere i messaggi di una newsgroup se non si è interessati all’argomento. Quando si decide di partecipare non si devono inviare messaggi che siano fuori tema, perché si interrompe un dialogo già avviato e si infastidiscono i partecipanti. Naturalmente spesso critiche ed obiezioni sono ciò che fanno proseguire la discussione, però bisognerebbe distinguere tra i vari gruppi ed il tipo di critiche ed in questo caso, più che la netiquette, serve buon senso. Ora, visto che nelle newsgroup (ed in internet in generale) è possibile trovare ogni argomento, nessuno è costretto a seguire argomenti che non sono di suo interesse. Allo stesso modo, però, deve essere permesso ad ogni altro utente della rete di partecipare ai gruppi di discussione che più gli aggradano e non è ammissibile partecipare ad un gruppo di discussione col solo intento di disprezzare le idee dei partecipanti. La scelta di cosa vedere in internet è totalmente libera e nessuno è costretto a partecipare a gruppi da cui si sente offeso. Da tutte le regole della netiquette traspare grande rispetto per gli altri utenti: precetti che invitano ad usare un certo stile nello scrivere, a rispettare il tempo altrui, a perdonare gli errori degli altri utenti, a non partecipare a flame wars, a ricordare che dall’altra parte del computer c’è un altra persona, implicano, come logica conseguenza, che messaggi irrispettosi delle idee altrui debbano ritenersi estranei al galateo della rete.

Anteprima della Tesi di Mirco Brega

Anteprima della tesi: La libertà di manifestazione del pensiero in rete con particolare riferimento all'esperienza Nord Americana, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mirco Brega Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6294 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.