Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La libertà di manifestazione del pensiero in rete con particolare riferimento all'esperienza Nord Americana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 punto citerò, a sostegno di questa tesi, fra le altre sentenze, l’ordinanza del tribunale di Roma (17/4/98) che stabilì come i provider non siano responsabili del contenuto dei messaggi postati nei newsgroup. Ancora sulla prima domanda: - vorrei partire dalla situazione degli Stati Uniti d’America, dove internet è nata e dove si è avuta la prima legge che ha tentato di regolarla: la Telecommunications Act of 1996; - vorrei analizzare il Communications Decency Act (CDA, il titolo V del Telecommunications Act) alla luce della dottrina e della giurisprudenza relative al Primo Emendamento e alla luce della sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha dichiarato incostituzionale il CDA; - vorrei tornare poi sulle differenze tra internet e gli altri mass media. La giurisprudenza americana ha stabilito che limitazioni alla libertà di espressione possono essere accettate solo se sono attentamente valutate sulle caratteristiche del mezzo che si utilizza per comunicare: il CDA ha regolato internet al pari di una televisione, mentre alcune caratteristiche di quest’ultimo, relative soprattutto al forte controllo dell’utente sull’informazione che riceve, rendono il paragone sbagliato e creano limitazioni alla libertà di espressione, ben oltre il principio che vuole il limite “il meno restrittivo possibile” (“the least restrictiver means”) per il medium in questione. Per rispondere alla seconda domanda (come viene regolata la libertà di espressione delle persone che utilizzano Internet) vorrei distinguere la posizione di chi diffonde liberamente il proprio pensiero da quanti fanno sistematicamente informazione, raccogliendo (dalle varie fonti) le notizie che fornisce “confezionate” al navigante in rete. A tal proposito vorrei

Anteprima della Tesi di Mirco Brega

Anteprima della tesi: La libertà di manifestazione del pensiero in rete con particolare riferimento all'esperienza Nord Americana, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mirco Brega Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6294 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.