Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Credit derivatives: tipologie, finalità di utilizzo e modalità di pricing

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CREDIT DERIVATIVES 8 INTRODUZIONE Le diverse tipologie di derivati di credito si distinguono fra loro per le diverse caratteristiche tecniche che le contraddistinguono, però è possibile delineare una struttura base per tutti i credit derivatives, e degli elementi comuni, ricavabili dalle Credit derivatives definitions (1999) e dal Restructuring supplement to the 1999 ISDA Credit derivatives definitions (2001) proposti dall’International Swaps and Derivatives Association (ISDA). E’ necessario identificare una reference entity, cioè un debitore esposto al rischio di credito, ed individuare una reference obligation, indispensabile per determinare il valore del contratto. Il protection buyer è il soggetto che acquista protezione e cede gli effetti del rischio di credito, mentre il protection seller è il soggetto che vende protezione e si assume gli effetti del rischio di credito. Il protection seller dovrà effettuare i versamenti dovuti in base al contratto se si verifica un credit event, un evento cioè che sia indicativo dell’insolvenza o del peggioramento del merito creditizio del reference entity. Il payoff di un credit derivative dipende quindi dal verificarsi di un credit event, ed è fondamentale darne una precisa definizione al momento della stipula del contratto. Le categorie di credit event previste dall’ISDA sono la bankruptcy, l’obligation acceleration, l’obligation default, il failure to pay, la repudiation/moratorium, il restructuring e il cross default.

Anteprima della Tesi di Roberto Franzoni

Anteprima della tesi: Credit derivatives: tipologie, finalità di utilizzo e modalità di pricing, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Franzoni Contatta »

Composta da 285 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4978 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 31 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.