Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal gruppo al gruppo-classe. Il metodo del cooperative learning: una riflessione sugli aspetti sociali, cognitivi ed emotivi dell'acquisizione delle conoscenze

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 In questo secondo gruppo i membri sono più importanti per la loro funzione che non come individui. Fra i gruppi secondari si possono individuare ulteriori differenze. Esistono i gruppi "base", formati da non più di quindici persone, altamente democratici, basati sulla mutua partecipazione, nei quali ciascuno è dotato di potere decisionale e nei quali si scelgono metodi e strumenti, per la realizzazione del progetto o il raggiungimento di uno scopo, condivisi da tutti. Oltre ai gruppi di base, definiti anche "di partecipazione", ci sono i gruppi "gerarchici", che corrispondono ad un modello patriarcale tipico della nostra società. In essi i ruoli e le funzioni sono nettamente diversificati e fra i membri esiste, infatti, una struttura di potere ed un vertice, il leader, che trasmette mandati ai membri subordinati e decide a nome dell‟intero gruppo. Se poi ci occupiamo di adolescenti non possiamo non operare un‟ulteriore distinzione, quella fra i gruppi "formali" e i gruppi "informali". I primi fanno riferimento a quella gamma di attività di carattere diverso (sportivo, religioso, socio-educativo, etc.) promossa all‟interno di movimenti o associazioni. Caratteristiche peculiari di queste esperienze risultano essere la motivazione al perseguimento di obiettivi dichiarati e la presenza nel gruppo di uno o più adulti con funzioni di promozione e controllo. I secondi si riferiscono alle "aggregazioni di adolescenti formatesi in modo spontaneo e naturale che non perseguono attività specifiche; la coesione del gruppo si fonda sull’intensità della relazione e della comunicazione fra i

Anteprima della Tesi di Claudia Valentini

Anteprima della tesi: Dal gruppo al gruppo-classe. Il metodo del cooperative learning: una riflessione sugli aspetti sociali, cognitivi ed emotivi dell'acquisizione delle conoscenze, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Claudia Valentini Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 29235 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 121 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.