Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ein Brief di Hugo von Hofmannsthal e le sue traduzioni italiane

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 in un’altra lingua. In particolare, la prima domanda che ci siamo posti, in relazione ad Ein Brief ma anche in generale, è stata proprio quella sulla possibilità o meno di svelare cosa l’autore volesse veramente dire. La risposta a questa domanda abbiamo provato a cercarla seguendo un percorso di analisi concreto che, affrontando il testo originario su vari livelli, lo scomponesse, anche nelle sue parti più piccole, per poi cercare di “ricomporlo” e restituirne un messaggio univoco. Come sostegno teorico per condurre il nostro lavoro di analisi ci siamo avvicinati ad una disciplina relativamente giovane, nata negli anni Settanta sotto il nome di linguistica testuale. Soprattutto, è risultata interessante la teoria delle macrostrutture di Teun van Dijk che ha come oggetto non più la parola in sé, bensì i concetti di cui essa si fa portatrice. Una volta individuati questi singoli concetti, la linguistica testuale li inserisce «nella rete di elementi che formano la struttura della comunicazione 37 », cercando di ottenere quindi quella che è chiamata «l’architettura semantica del testo 38 ». Il principio teorico su cui si basa questa proposta d’indagine testuale è la convinzione che esista un «ambito propriamente interlinguistico, un livello intermedio in cui le lingue possono parlarsi tra loro 39 »: isolato questo livello si riesce ad ottenere una sorta di base denotativa su cui fondarsi nel «costruire teorie delle connotazioni, ossia una descrizione dei fatti stilistici e retorici 40 ». In altre parole, prima occorre “isolare”, tramite un’indagine che coinvolga gli elementi testuali, l’architettura semantica del testo, dopodiché, avendo finalmente in mano qualcosa di stabile ed oggettivo, si può passare a distinguere quelle che sono le caratteristiche denotative, ossia le componenti stilistiche e retoriche, che non appartengono strettamente alla struttura semantica. La conclusione cui giunge la linguistica testuale sembra alquanto rassicurante: «Non appena si entra nello studio delle strutture semantiche, entrano in gioco direttamente altri fattori che codeterminano i testi, ossia gli elementi del contesto comunicativo, dell’intenzionalità di chi produce un testo, delle caratteristiche tipologiche. Questi ulteriori fattori si relazionano alle strutture semantiche in modo 37 MENIN, ROBERTO, Teoria della traduzione e linguistica testuale, Milano, Guerini scientifica, 1996, p. 11. 38 ivi, p. 12. 39 ivi, p. 11. 40 ibidem.

Anteprima della Tesi di Laura Franco

Anteprima della tesi: Ein Brief di Hugo von Hofmannsthal e le sue traduzioni italiane, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Franco Contatta »

Composta da 265 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4165 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.