Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ein Brief di Hugo von Hofmannsthal e le sue traduzioni italiane

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 La lettera di Lord Chandos, nella sua forma di epistola secentesca indirizzata da Lord Philipp Chandos all’amico Francesco Bacone per scusarsi e spiegare i motivi della sua rinuncia alla letteratura, è sì il manifesto della crisi linguistica, hofmannsthaliana e di un’epoca 30 , ma la parola di cui si parla non è quella quotidiana, bensì la parola poetica così com’è stata intesa fino a questo momento 31 . Il ruolo della parola poetica fino all’epoca della stesura di Ein Brief è stato per Hofmannsthal estremamente importante, tanto che egli si dedica quasi esclusivamente alla lirica, in totale consonanza con le concezioni dell’epoca. L’espressione artistica può, infatti, vantare, prima della “frattura”, di essere strumento di conoscenza. Come sostiene Broch, «[...] la conoscenza è […] per Hofmannsthal completa identificazione con l’oggetto. L’artista che assolvendo al suo compito sa innalzarsi al di sopra del quotidiano e intensificare la propria intuizione fino ad ottenere una piena identificazione con il mondo e con tutto ciò che esiste in esso, sarà anche in grado di udire il vero linguaggio del mondo. E il mondo a sua volta diventerà linguaggio umano e lo arricchirà. Meglio: l’artista sperimenta l’armonia prestabilita che esiste 30 È spesso la filosofia che aiuta a rendere più comprensibile ciò che avviene, a livello concreto, nella società; e la voce che riesce a dare un’analisi lucida di questo periodo e che si leva tra le molteplici correnti che stanno germogliando, è sicuramente quella di Friedrich Nietzsche. Egli nega il concetto schopenhaueriano del mondo come rappresentazione e fonda un relativismo che mette in discussione tutto il sistema della conoscenza e i suoi strumenti. Le categorie spazio-temporali classiche, che racchiudevano il mondo in schemi razionali considerati fallaci, vengono meno. Il tempo non è più lineare ma ciclico; si tratta dell’“eterno ritorno”, visione che comporta quindi la coesistenza del passato nel presente e la fine del concetto tradizionale di storia. «È il linguaggio dell’uomo della crisi, il linguaggio che segna la fine del «grande stile»», inteso da Nietzsche come il compimento, irraggiungibile dall’uomo del 900, dell’ideale classico. Questo stile “utopistico” presuppone una fiducia totale nei confronti del segno linguistico, un’organizzazione minuziosa dei particolari, tesa al raggiungimento dell’organico e dell’essenziale, proprio quello che in questo momento appare completamente assente. Uno stile che sembra quasi avvicinarsi a quello realizzato nell’arte poetica dei grandi romantici, quali Goethe, Hölderlin, Novalis che «fiduciosi nel potere evocatore della parola poetica, nella forza del mito antico, attualizzabile nella propria epoca, erano ben lontani dall’avvertire quella frattura fra segno e cosa designata. [...]Venuta meno ogni fiducia nel linguaggio, in quanto esso non sembra più in grado di comunicare con l’essenza delle cose, scompare il rapporto che unisce l’oggetto al suo significante linguistico» mentre questo, a sua volta, assume sempre più potere. [..] La crisi della parola è senza dubbio crisi della parola del grande stile, ridotto nell’epoca moderna ad un’alta ma irrealizzabile utopia. Crisi quindi della parola piena, dello stile organico e armonioso di una totalità ormai infranta, crisi del linguaggio dei sistemi filosofici, crisi insomma del linguaggio esaustivo della razionalità classica.» [PULVIRENTI, GRAZIA, op. cit., p. 21-22.] 31 È solo grazie a questo assunto che si spiega l’apparente contraddizione, rilevata da molti critici, insita nella lettera: il fatto cioè che Chandos si sia servito, per comunicare con Bacone, di quella parola che egli stesso afferma di avere rinnegato.

Anteprima della Tesi di Laura Franco

Anteprima della tesi: Ein Brief di Hugo von Hofmannsthal e le sue traduzioni italiane, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Franco Contatta »

Composta da 265 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4165 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.