Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le dichiarazioni dei bambini nei casi di sospetto abuso sessuale. Raccolta e valutazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 CAPITOLO I 1.1 La testimonianza del bambino. - 1.1.1. L’attendibilità della testimonianza infantile nei sospetti abusi sessuali: fattori di influenza. – 1.1.2. Memoria e linguaggio si influenzano reciprocamente. – 1.1.3. I racconti di eventi traumatici. 1.1. La testimonianza del bambino nei casi di sospetto abuso sessuale. Così com’è già avvenuto per altri Paesi, anche in Italia si sta diffondendo una sempre maggiore attenzione alla tutela dei minori vittime di abusi ed è in aumento il numero di bambini coinvolti in procedimenti penali come testimoni, in quanto parti lese. Di conseguenza l’accuratezza e la validità della loro testimonianza sono diventate un problema centrale, che interessa sempre di più gli ambiti giuridico e psicologico, soprattutto in rapporto alla credibilità delle loro affermazioni. Già all’inizio del secolo scorso, gli studi sull’affidabilità della testimonianza dei bambini, pur influenzati da una concezione che li caratterizzava come altamente suggestionabili ed incapaci di distinguere la fantasia dalla realtà, hanno ammesso che, a determinate condizioni, i bambini sono in grado di fornire testimonianze “potenzialmente valide”. Nondimeno le ricerche più recenti hanno confermato una generale competenza testimoniale anche in bambini piccolissimi e i progressi negli studi sulla memoria e sullo sviluppo hanno permesso di evidenziare le caratteristiche della testimonianza infantile, ponendo l’accento sui fattori che la possono influenzare. Il nostro sistema giudiziario non pone preclusioni esplicite alla capacità di fornire deposizioni riferite all’età del testimone (art. 196 c.p.p.) e nel corso degli anni la Cassazione si è così pronunciata: <> (Cass., Sez. III, 8 aprile 1958, in Giustizia penale, 1959, I, 53).

Anteprima della Tesi di Daniela Quarello

Anteprima della tesi: Le dichiarazioni dei bambini nei casi di sospetto abuso sessuale. Raccolta e valutazione, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Daniela Quarello Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11425 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.