Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le dichiarazioni dei bambini nei casi di sospetto abuso sessuale. Raccolta e valutazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 Ancora, ha affermato la validità della testimonianza rilasciata da una bambina di tre anni: <> (Cassazione 12027/99). Nel sistema processuale italiano la testimonianza occupa un ruolo centrale e il giudice ha ampia discrezionalità nel valutare le dichiarazioni fornite dal teste. Diversi fattori possono incidere sulle sue decisioni, tra cui il peso che il giudice stesso attribuisce a quanto dichiarato dai singoli testimoni. Alcuni soggetti, a causa del loro status, sono considerati mediamente più attendibili rispetto ad altri (quanto dichiarato dal pubblico ufficiale, ad esempio, è ritenuto di rilevanza probatoria maggiore rispetto all’uomo comune). Nel caso dei procedimenti per reati sessuali, nei quali le affermazioni della vittima sono spesso l’unica prova disponibile su cui si costruisce l’accusa, la valutazione dell’attendibilità della deposizione è quanto mai delicata e complessa, tanto più se la parte lesa è minorenne. In tali casi il quantum di credibilità attribuita al teste e alle sue dichiarazioni ha un’influenza determinante nella decisione del giudice, il solo cui spetti pronunciarsi in merito all’attendibilità della prova. <> (Cass. Sez.I, 7 novembre 1967, in Cass. Pen. Mass. Ann., 1968, 985, n.1463) Proprio per fornire al magistrato quelle nozioni e quei chiarimenti tecnici necessari per aiutarlo nella decisione, e dei quali sia sprovvisto a causa della specificità delle questioni trattate, è ammessa e disposta l’attività peritale (artt.220, 1°, 221, 225, 227 c.p.p.) ovvero l’ausilio di periti e consulenti tecnici (nominabili anche in sede civile). La Corte di Cassazione (Sez. III pen., Sent. 3 ottobre 1997) si è espressa ricordando che l’esperto del quale il giudice può avvalersi ha il compito di contribuire a chiarire l’attitudine psicofisica del teste ad esporre le vicende (idoneità a testimoniare) e di esaminare il grado di attendibilità delle dichiarazioni e non, aggiungerei, di stabilire se il “fatto” raccontato si sia o meno verificato. Come avvertono Di Blasio e Camisasca (1992), in primo luogo deve essere valutata la capacità testimoniale, poiché la connessione logica e

Anteprima della Tesi di Daniela Quarello

Anteprima della tesi: Le dichiarazioni dei bambini nei casi di sospetto abuso sessuale. Raccolta e valutazione, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Daniela Quarello Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11425 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.