Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Neotecnologie e contemporaneità. Per una grammatica della testualità digitale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Università IULM - Dottorato di ricerca - XV ciclo Le letterature, le culture e l'Europa: storia, scrittura e traduzioni Federico Pellizzi, Per una grammatica culturale della testualità digitale - Cap. I 17 lavoro editoriale, della distribuzione dei testi. Sicuramente anche sul «tavolo di lavoro» del letterato l’impiego delle tecnologie digitali ha imposto ab origine anche nuovi problemi metodologici, teorici e pragmatici, e non si è mai trattato, da Padre Busa 7 in poi, semplicemente di «applicare» delle tecniche per facilitare i compiti di un sapere già costituito. Né, tantomeno, di automatizzare «dati». Come scriveva Mario Ricciardi, «La tecnologia elettronica sembra aggredire un universo potenzialmente saturo di informazione, in cui è facile accumulare i dati e, al contrario, difficile informatizzarli e quindi renderli realmente accessibili. In questo caso, informatizzare significa propriamente attribuire un significato ulteriore, o almeno possibili significati aggiuntivi, ai documenti, oggetto di un radicale processo di in+formazione [...]. In questa prospettiva viene considerato di modesta importanza l’accumulo dei dati (perché appaiono largamente disponibili), tecnicamente poco interessante (perché facilmente risolvibile) l’immissione dei dati stessi, e invece strategico il progetto “informatico” e di rilievo decisivo il modo del trattamento del dato, cioè appunto la rete di connessioni che lo rende attivo e fruibile». 8 Tuttavia non si può trascurare che la messa a punto di un simile «progetto» richiede sempre uno scambio sistematico di conoscenze, un concorso programmatico di competenze, un insieme di criteri condivisi, e quindi un enorme lavoro collettivo. Insomma instaura una «rete di connessioni» già nel momento in cui ci si accinge a pensare all’impostazione dei problemi e degli obiettivi. Tale sollecitazione a impostare la ricerca come un programma che coinvolga figure molteplici e differenziate sembra riguardare più una trasformazione della mentalità degli studiosi che il coinvolgimento istituzionale di un maggior numero di enti e atenei. Forse il languire di molti prototipi deriva dalla permanenza di un abito umanistico ormai chiusosi in uno scambio convenzionale e in una sostanziale solitudine. 7 Roberto Busa è considerato uno dei fondatori dell’informatica umanistica, essendosi dedicato fin dagli anni Quaranta, dapprima con le schede perforate, poi via via con le tecnologie che gli si offrivano, a studiare con strumenti digitali il lessico di San Tommaso D’Aquino, e in particolare il valore della preposizione «in». Si veda R. Busa, La terminologia tomistica dell’interiorità, Milano, Bocca, 1949; inoltre Id., Fondamenti di informatica linguistica, Milano, Vita e Pensiero, 1987, nonché l’Index Tomisticus (Cd-Rom), Gallarate (Va), Cael - Aloisianum, 1998. 8 M. Ricciardi, Studi umanistici e nuove tecnologie, in M. Ricciardi (a cura di), Oltre il testo: gli ipertesti, Milano, Franco Angeli, 1994, pp. 13-14.

Anteprima della Tesi di Federico Pellizzi

Anteprima della tesi: Neotecnologie e contemporaneità. Per una grammatica della testualità digitale, Pagina 14

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Istituto di Arti, Culture e Letterature comparate

Autore: Federico Pellizzi Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1190 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.