Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Neotecnologie e contemporaneità. Per una grammatica della testualità digitale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Università IULM - Dottorato di ricerca - XV ciclo Le letterature, le culture e l'Europa: storia, scrittura e traduzioni Federico Pellizzi, Per una grammatica culturale della testualità digitale - Sommario 11 Sommario Nel I capitolo, dopo un’introduzione sullo status qaestionis dei rapporti tra discipline umanistiche e informatica, si discutono alcuni grandi problemi di interpretazione culturale delle neotecnologie, come ad esempio il ruolo della visibilità e della rappresentazione nella tradizione occidentale e nell’incontro con le neotecnologie, il passaggio tra tecnica e tecnologia, il ruolo della testualità (di cui si fornisce una prima definizione) nelle società contemporanee, il rapporto tra anima analitica e anima architettonica nel mondo digitale, il ruolo dell’ipertestualità (di cui si forniscono le prime descrizioni); si formulano inoltre alcune ipotesi, a partire dal nuovo tipo di discorsività introdotto dalle neotecnologie, sulla natura costitutivamente circolare del digitale. Si affronta infine il problema della trascrizione e della selezione dei testi. Nel II capitolo, che costituisce la parte centrale della ricerca, si cerca in primo luogo di inquadrare il problema del testo in una più fitta rete di questioni teoriche, storiografiche e di interpretazione. Si propone un’estensione del concetto di testo a partire da un serrato confronto con le concezioni testuali della filologia e della teoria letteraria. Si introducono i concetti di “stratificazione”, “processualità” e “incorniciamento”, “inclusività” e “multimodalità”. Si affronta poi il problema del rapporto tra testualità digitale e memoria (che sarà ripreso nel terzo capitolo), mettendo in luce quali sono le peculiarità della memoria digitale. Si riprende poi il problema di una ridefinizione generale della testualità: si propone la nozione di «testo emergente» e si individua una zona della testualità digitale, denominata «testo subconscio», come suo aspetto peculiare e specifico e come nuova dimensione autoriale del testo. Si affronta poi il problema di un rapporto tra la testualità digitale e l’interpretazione, mostrando, sul piano pragmatico, come il testo digitale incorpori l’istanza critica e si configuri come un particolare atto linguistico. Si affronta poi la vexata quaestio del ruolo dell’autore

Anteprima della Tesi di Federico Pellizzi

Anteprima della tesi: Neotecnologie e contemporaneità. Per una grammatica della testualità digitale, Pagina 8

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Istituto di Arti, Culture e Letterature comparate

Autore: Federico Pellizzi Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1190 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.