Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Neotecnologie e contemporaneità. Per una grammatica della testualità digitale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Università IULM - Dottorato di ricerca - XV ciclo Le letterature, le culture e l'Europa: storia, scrittura e traduzioni Federico Pellizzi, Per una grammatica culturale della testualità digitale - Sommario 12 e del lettore da un primo punto di vista, quello esterno al testo, della produzione/fruizione. Si esaminano poi le possibilità di un ipertesto di rendere le relazioni intertestuali, ai fini di verificare il ruolo dell’ipertestualità in rapporto alla testualità tradizionale, e discuterne il compito culturale. Si giunge infine a una ridefinizione generale dell’ipertestualità, individuando alcuni criteri per una ricognizione dei generi ipertestuali. Si individuano i caratteri di alcune tipologie di genere, e alcuni generi: gli ipertesti didattici, di edizione, di ricerca, argomentativi, creativi, ludici e di condivisione. Nel III capitolo si affronta il problema concreto della digitalizzazione, e che cosa essa comporti sul piano della percezione del testo, della sua rappresentazione e della sua costruzione funzionale. Si esaminano i linguaggi di marcatura nelle loro caratteristiche sintattiche e morfologiche, nei loro scopi e nelle loro potenzialità. Intento di questo capitolo è anche contribuire al dibattito sull’“informatica umanistica”, recentemente definita come classe di laurea specialistica: si prendono in esame i problemi e i dubbi sull’opportunità culturale di una simile delimitazione. Si discutono gli obiettivi della digitalizzazione e se ne propone una classificazione che tiene conto e riprende le osservazioni precedenti sulla testualità digitale, ma le applica in particolare al lavoro scientifico ed esegetico sui testi. Si discutono infine alcune ragioni in favore di un allargamento delle prospettive teoriche e formative dell’informatica umanistica, muovendosi su un parallelo tra informatica umanistica e retorica, e considerando punti di incontro con altre altre discipline come l’antropologia, la matematica, la vita artificiale, e la programmazione orientata agli oggetti. Tutto ciò fornisce l’occasione per tornare su un problema cruciale della nostra cultura, il rapporto tra digitale e memoria, alla luce dell’indagine sulle grammatiche della digitalizzazione. Ne viene confermata la nostra interpretazione architettonica del digitale, in cui cambia sostanzialmente il rapporto tra semantica e sintassi. Ne emerge l’idea di un complesso linguistico-memorativo dotato di una certa autonomia, che si è chiamato “pragmasfera”, caratterizzato dalla connessione tra reti e persone, che garantisce un’ibridazione permenente tra digitale e analogico.

Anteprima della Tesi di Federico Pellizzi

Anteprima della tesi: Neotecnologie e contemporaneità. Per una grammatica della testualità digitale, Pagina 9

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Istituto di Arti, Culture e Letterature comparate

Autore: Federico Pellizzi Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1191 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.