Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I trasferimenti immobiliari: aspetti fiscali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 nell’ultimo quadriennio, a un favorevole calo dei tassi d’interesse applicati dagli istituti di credito. L’attenzione politica al fenomeno si è manifestata in due modi: da un lato con l’aumento e la diversificazione delle forme di contributo in conto capitale o di finanziamento agevolato erogate dagli enti locali; dall’altro con la diminuzione del carico fiscale sulla abitazione principale e sulle operazioni di trasferimento della proprietà immobiliare. Si assiste insomma a un discreto mitigarsi dell’”accanimento tributario” verificatosi in campo immobiliare nel passato e traente origine dai principi del nostro ordinamento, che misura la capacità contributiva di cui all’articolo 53 della carta costituzionale con gli indicatori del reddito e del patrimonio e che inquadra la proprietà immobiliare sia dal punto di vista patrimoniale - quale bene durevole che conserva, anzi incrementa il suo valore nel tempo - sia da quello reddituale - quale fonte di introito proveniente da locazione o comunque di rendita catastale per presunzione giuridica - e dalla oggettiva difficoltà di porre in essere l’elusione fiscale in questo settore, che garantisce perciò una raccolta tributaria sempre conforme alle attese del bilancio. Secondo il legislatore costituisce indicatore di capacità contributiva anche l’acquisto di un bene immobile; è una “manifestazione di ricchezza trasferita”, il momento in cui il reddito si trasforma in patrimonio: vedremo che il pagamento delle imposte correlate è a totale carico dell’acquirente. Il venditore, invece, smobilizza una ricchezza bloccata per un certo tempo e la converte in liquidità: potrà impiegare le risorse liberate nell’acquisto di beni di consumo e servizi, o nell’investimento in strumenti finanziari, o nell’ulteriore acquisto di immobili: nella generalità dei casi i proventi della

Anteprima della Tesi di Massimiliano Fiorelli

Anteprima della tesi: I trasferimenti immobiliari: aspetti fiscali, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Massimiliano Fiorelli Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1760 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.