Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo direzionale nelle aziende della grande distribuzione. Il caso Conad

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Infine, le società a catena di tipo cooperativo. Fanno parte della categoria in oggetto le società di distribuzione commerciale di tipo non lucrativo, più esattamente quelle che si avvalgono della forma giuridica della società cooperativa, a responsabilità limitata e non. È bene premettere che tutte le centrali cooperative hanno almeno un settore che riguarda la distribuzione commerciale. Nel nostro caso possiamo fare riferimento, alla Lega Nazionale Cooperative e Mutue, la quale, al suo interno ha ben due associazioni che riguardano il commercio, l’Associazione Nazionale Dettaglianti, e l’Associazione Nazionale Cooperative di consumatori. È l’Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori (A.N.C.C.) che dispone, attraverso Coop Italia S.r.l., del logo Coop a rappresentare pienamente la formula delle società a catena di tipo cooperativo. Anzitutto, è bene fare chiarezza rispetto ad un fraintendimento diffuso e che però dimostra l’efficacia delle politiche di marchio condotte dal sistema Coop.

Anteprima della Tesi di Davide Grieco

Anteprima della tesi: Il controllo direzionale nelle aziende della grande distribuzione. Il caso Conad, Pagina 9

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Grieco Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18440 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 51 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.