Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I criteri di valutazione nel reddito d'impresa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Queste norme regolano in negativo i principi cardine su cui si basa l’imposizione diretta in capo alle imprese (derivazione dall’utile civilistico, principio di competenza, inerenza) 32 . Il problema preliminare all’analisi dei criteri generali di determinazione del reddito d’impresa è rappresentato dall’individuazione della categoria reddituale stessa. Il reddito d’impresa è definito dal legislatore nell’articolo 51 del T.U.I.R., dove stabilisce quali incrementi di ricchezza e quali soggetti sono sottoposti alla normativa e al prelievo secondo le regole del Capo sesto. I criteri di individuazione adottati dal legislatore sono molteplici, caratteristiche oggettive dell’attività d’impresa, elementi soggettivi, forme giuridiche predisposte dal diritto 33 . Il legislatore tributario non si è limitato a rifarsi alla definizione civilistica dell’impresa, che risulta fiscalmente poco funzionale, ma ha preferito farsi carico di puntualizzarla per rendere meglio riconoscibile in ambito fiscale soggetti e redditi sottoposti al regime del reddito d’impresa 34 . Il primo comma dell’articolo 51 stabilisce che sono redditi d’impresa quelli che derivano dall’esercizio di imprese commerciali. Per esercizio di imprese commerciali il legislatore intende l’esercizio abituale, ancorché non esclusivo, delle attività elencate nell’articolo 2195 del codice civile. Sono quindi sempre da ritenersi redditi d’impresa quegli incrementi di ricchezza che derivano dall’esercizio delle attività commerciali indicate dalla normativa civilistica anche se non organizzate in forma di impresa. 32 G. ZIZZO, Regole generali sulla determinazione del reddito d’impresa, cit., pag. 473. 33 E. POTITO, Il sistema delle imposte dirette, cit., pag. 133; A. FANTOZZI, Il reddito d’impresa, in AA. VV. Commentario al testo unico delle imposte sui redditi ed altri scritti, il fisco, Roma- Milano, 1990, pag. 211; A. BERENGHI- O. STROBINO, Il reddito d’impresa, cit., pag. 4; F. TESAURO, Istituzioni di diritto tributario, cit., pag. 61; G. TINELLI, Il reddito d’impresa nel diritto tributario, cit., pag. 35; M. MICCINESI, Reddito delle persone fisiche (imposta sul), cit., pag. 192; N. D’AMATI, L’imposta sui redditi delle persone fisiche, cit., pag. 372; F. CROVATO- R. LUPI, Il reddito d’impresa. Concetti strutturali, collegamenti sistematici e approfondimenti operativi, Il Sole 24 ORE, Milano, 2002, pag. 8. 34 A. BERENGHI- O. STROBINO, Il reddito d’impresa, cit., pag. 4.

Anteprima della Tesi di Luca Zarletti

Anteprima della tesi: I criteri di valutazione nel reddito d'impresa, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luca Zarletti Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5902 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.