Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina comunitaria in materia di commercio elettronico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VI Inoltre, appare opportuno considerare che il commercio telematico, a determinate condizioni, potrebbe contribuire allo sviluppo dell’economia di zone tradizionalmente escluse dall’orbita della grande distribuzione. Per via elettronica possono essere poste in essere la commercializzazione di beni e servizi, la distribuzione di contenuti digitali, l’effettuazione di operazioni finanziarie e di borsa, la formalizzazioni degli appalti pubblici e le altre procedure transattive delle pubbliche amministrazioni. In realtà il commercio elettronico non è uno strumento completamente nuovo; per anni le imprese si sono scambiate dati commerciali utilizzando varie reti di comunicazione. Tuttavia, se in passato, le reti telematiche erano appannaggio di poche grandi società, oggi, il loro utilizzo è diventato accessibile a tutti: privati cittadini, piccole e medie imprese. Ciò ha dato vita ad una complessa gamma di attività commerciali, svolte su scala globale da un crescente numero di partecipanti e ha dato origine a numerosi problemi di ordine giuridico interessanti trasversalmente vari settori del diritto, da quello privatistico a quello pubblicistico, il tutto, ovviamente, con riflessi internazionali. L’introduzione di logiche economiche in un universo polverizzato e spontaneo, quale è Internet, ha portato a conseguenze di non facile interpretazione per i meno esperti. L’origine storica di Internet ne fa infatti una rete poco adatta alle transazioni commerciali. L’assenza di gerarchie prestabilite e l’elevato grado di transnazionalità che la caratterizzano, impediscono ogni efficace controllo dell’accesso e degli scambi. Inoltre, gli strumenti per generare profitti dalla comunicazione a distanza fra soggetti fisicamente non presenti, sovente seguono regole e dinamiche all’apparenza spesso antitetiche rispetto a quelle del mercato tradizionale e talvolta, dietro di essi, si possono celare azioni illegali e reati. L’idea di intraprendere uno studio sulla problematica giuridica connessa col fenomeno del commercio elettronico, nasce dunque, oltre che dalla attualità

Anteprima della Tesi di Daniela Mattavelli

Anteprima della tesi: La disciplina comunitaria in materia di commercio elettronico, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Daniela Mattavelli Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2499 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.