Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione efficace della ricchezza ''risorse umane'' come fattore di sviluppo organizzativo e vantaggio competitivo: il contributo dell'intervento formativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 ξ 1 - L'ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO 1.1- Le organizzazioni: loro elementi e funzioni Il termine "organizzazione" deriva dal greco "organon" ed indicava uno strumento musicale; nel Medioevo assunse il significato di "il formarsi degli organi", mentre nel 1600-1700 di "processo di accomodamento"; oggi "organizzazione" è inteso come "modalità di mettere insieme, ordinare, preparare, disporre". "Organizzazione" richiama quindi un'idea di struttura rigida con leggi, ma anche sistemi organizzati quali entità sociali, chiese, scuole, partiti. L'organizzazione fa riferimento ad alcuni elementi di artificiosità/convenzione, ma è anche associata alla costrizione/coercizione. In generale, le organizzazioni sono sistemi sociali in cui vengono riconosciute una serie di più o meno identificate risorse, governate da una figura di leadership/controllo/autorità e dotate di un programma per determinare le finalità e gli scopi. Le organizzazioni sono, inoltre, organismi specificatamente costituiti per il conseguimento di determinati obiettivi, i quali hanno ottenuto il massimo impegno cognitivo e normativo, ma costituiscono anche un modello teorico più ampio (scienza dell'organizzazione), un modello di organizzazione sociale caratterizzato da: - un insieme di relazioni sociali che si instaurano tra i soggetti appartenenti all'entità; - un complesso di "valori condivisi" e praticati dagli stessi soggetti. Si può parlare di organizzazioni sia per aggregati tipici, come le aziende, sia nel caso di organizzazioni naturali, come le famiglie, o di più vaste costellazioni, come le città, le comunità regionali, ecc. Più specificatamente Etzioni (1961) individua tre tipologie di organizzazione: - le coercitive: carceri, ospedali psichiatrici, campi di lavoro, comunità terapeutiche; - le utilitaristiche: hanno una finalità di profitto (aziende di produzione, di credito, di servizio) o sono associazioni con o senza fini di lucro (no profit, onlus); - le normative: chiese, ospedali, partiti politici, esercito, organizzazioni scolastiche.

Anteprima della Tesi di Lara Marelli

Anteprima della tesi: La gestione efficace della ricchezza ''risorse umane'' come fattore di sviluppo organizzativo e vantaggio competitivo: il contributo dell'intervento formativo, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Lara Marelli Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20355 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 82 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.