Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impiego del codice MCNP-4A nella BNCT (Boron Neutron Capture Therapy), con particolare riguardo allo sviluppo di un metodo originale per la valutazione della dose da cattura neutronica in base a dati PET

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Prendendo come riferimento principale il valore del “guadagno terapeutico”, ovvero del rapporto tra il valore minimo della dose al tumore e il valore massimo della dose al cervello sano, si è verificato che le configurazioni simulate per il fantoccio (2.) hanno fornito risultati molto simili alle corrispondenti configurazioni con il caso di glioblastoma (3.) per quanto riguarda i valori massimi della dose. Tale confronto ha comunque messo in luce la notevole differenza di distribuzione delle dosi in un tessuto reale di cervello, rispetto a quella presente in un fantoccio. Infatti la distribuzione non uniforme di boro porta ad avere, all’interno della regione neoplastica, zone con nette differenze di dose, il che comporta un abbassamento del valore globale del GT (vedi §§ 8.4.3 e 8.4.4). Non è quindi possibile pensare di assegnare a sentimento una distribuzione di boro uniforme, partendo, ad esempio, dalle morfologie dei tessuti visibili da un’analisi TAC; questo perché ogni organismo assimila il boro in maniera strettamente dipendente dal suo metabolismo. Questa tecnica, attualmente di uso comune in molti centri di ricerca, consente di ottenere distribuzioni di dosi neutroniche omotetiche, considerando distribuzioni di boro uniformi (assegnate manualmente) sia nella zona sana che nella zona neoplastica. Un esempio di curve isodose (calcolate con codici trasportistici di tipo Monte Carlo), relative ad una distribuzione uniforme di boro, è riportato in figura 1, che raffigura la sezione trasversale del cranio di un cane Labrador, ottenuta mediante TAC. La direzione di incidenza del fascio neutronico è disposta ortogonalmente al piano del foglio. Al fine di effettuare un raffronto con le simulazioni, oggetto del presente lavoro, le curve isodose sono riportate con la stessa scala di colori (vedi tabella 8.4). È interessante notare che, anche differenziando i valori di concentrazione di boro nel tumore e nelle zone sane, tale distribuzione omotetica delle curve isodose induce a commettere un grosso errore, a causa dell’impossibilità di contemplare la non-uniformità della distribuzione del boro e, conseguentemente, della dose associata.

Anteprima della Tesi di Giuseppe Giovanni Daquino

Anteprima della tesi: Impiego del codice MCNP-4A nella BNCT (Boron Neutron Capture Therapy), con particolare riguardo allo sviluppo di un metodo originale per la valutazione della dose da cattura neutronica in base a dati PET, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giuseppe Giovanni Daquino Contatta »

Composta da 695 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1800 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile solo in CD-ROM.