Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La certificazione di qualità del travertino romano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I. La storia del Travertino Romano. 7 La zona delle Acque Albule è un campo di doline, alcune trasformate in laghetti ora attivi ora prosciugati. Tra i primi, quello di S. Giovanni, i laghetti “della Regina” e “delle Colonnelle”, sorgenti delle acque sulfuree dette albule per il loro colore biancastro, lattiginoso. Figura 1.2.1: Estratto da: “Modello Litografico-Strutturale della Regione Lazio” scala 1:250.000. (legenda in Tabella 1.2.2.1) Alla costituzione geologica del bacino prendono parte terreni di diverse età. A nord e ad est la cornice del bacino risulta di sedimenti mesozoici, principalmente di calcari massicci del Lias inferiore nei Lucretili e nei Cornicolani; di calcari marnosi grigi del Lias medio; di calcari e straterelli di selce e di calcari tipo “maiolica” del Giurese e del Cretaceo nelle propaggini

Anteprima della Tesi di Christian Cotognini

Anteprima della tesi: La certificazione di qualità del travertino romano, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Christian Cotognini Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3389 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.