Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La certificazione di qualità del travertino romano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I. La storia del Travertino Romano. 10 La sua base appoggia verso est sui calcari mesozoici e sui conglomerati pliocenici; nell’area centrale sui tufi litoidi da costruzione, mentre ad ovest non sono chiari i rapporti di giacitura con le rocce più antiche a causa del contatto da parte del materiale alluvionale più recente, che segue il contorno della formazione travertinosa. Il complesso delle Acque Albule è quindi discordante sui terreni più antichi e il suo deposito è perciò avvenuto dopo la terza erosione, nella storia del Vulcano Laziale, susseguita al deposito del tufo litoide. Tra il salto del terrazzo di Tivoli e il ponte dell’Acquoria l’Aniene scorre in una valle incisa in una formazione prevalentemente costituita da calcari di incrostazione. Trattasi principalmente di strati orizzontali di un travertino impuro, sabbioso o argilloso, gialliccio, formato da esili straterelli alternati dei quali alcuni formati da cristallini di calcite disposti tra loro parallelamente e normalmente ai piani di stratificazione. Tale roccia è conosciuta nella zona di Tivoli con il nome di “tartaro”. Alternati si trovano straterelli e spalmature a struttura cellulare o di aspetto di muschi; strati e lenti sabbiose o argillose, talora calcaree polverulente bianchicce o rossicce; poco frequentemente strati di travertino compatto. Il terrazzo a pianta triangolare allungata, che è compreso tra il corso dell’Aniene e la via Tiburtina, e fra Ponte Lucano e Tivoli, è costituito, in superficie, da una caratteristica formazione in cui sono molto sviluppati i calcari di incrostazione intorno a corpi cilindrici o ad accumuli di ghiaie. Andando verso sud le ghiaie, talora fortemente cementate, diminuiscono, passando a travertino sabbioso color marrone, molto o poco cementato. Sulla riva destra dell’Aniene, invece, si è sviluppato un travertino granulare, quasi arenaceo, di tipo oolitico, alternato al tartaro. Dagli affioramenti presenti nel bacino deriva che il travertino stratificato è più antico di quello a incrostazioni e ghiaioso.

Anteprima della Tesi di Christian Cotognini

Anteprima della tesi: La certificazione di qualità del travertino romano, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Christian Cotognini Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3389 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.