Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Bioetica e clonazione fra Islam e Cristianesimo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 più appropriate sembrano espressioni quali “differenze e varietà di posizioni entro un comune contesto relitioso” ed altre analoghe. Non è da ignorare come il pluralismo, politico ed ideologico venga facilmente associato, presso l'opinione pubblica, ad un relativismo etico inaccettabile secondo l'ottica islamica. Islàm, in quanto fede nella perfetta Rivelazione (il Corano) e regolato secondo i precetti dell'ultima Legge divina (la Shari’a), non necessita di alcun pluralismo etico. La verità ed i valori sono già presenti nelle fonti sacre, bisogna solo recuperarli oppure "interpretare" quest'ultime correttamente. Operando in un contesto culturale e politico pluralistico, i Comitati Nazionali di Bioetica (ed organismi analoghi) del mondo nordoccidentale appaiono caratterizzati da una molteplicità di posizioni ideologiche (es. laici, atei, religiosi) con visioni del mondo talvolta antitetiche; ciò si traduce in contrasti su molti importanti problemi (quando inizia la vita umana - la sperimentazione sull'embrione; quando termina la vita umana – l’eutanasia -, ecc.). Viceversa i Comitati Nazionali di Bioetica e i Comitati Nazionali di Etica Medica attivi in determinati Stati musulmani 3 prevedono, ovviamente, una varietà nelle specializzazioni e competenze dei partecipanti nell'ambito clinico, sociale e filosofico-religioso, ma rimane scontata la comune appartenenza di ciascun membro all'Islàm (qualora religione di Stato) anche se si, possono esprimere posizioni variegate sui singoli temi. Circa le peculiarità di alcuni di questi organismi si segnala la creazione in Algeria del Consiglio Nazionale dell’Etica delle Scienze della Salute 4 con decreto n. 96-122 del 6/4/1996 (il 6/7/1992 grazie al decreto n. 92-276 è stato varato il Codice di Deontologia Medica algerino) composto di 20 membri di cui almeno 15 medici (compreso un medico militare); tra gli altri ci sono un rappresentante del Ministro di Giustizia, uno del Consiglio Superiore Islamico, ecc. Una simile prevalenza di medici ha suscitato diverse critiche tra le quali quella che vi rileva una concezione falsa e superata dell’etica, intesa ancora come un 3 Alcuni Stati possiedono entrambi, altri solo uno dei due o un loro analogo, altri ancora presentano una pluralità di Comitati a livello nazionale, mentre si assiste allo sviluppo dei comitati locali di etica. 4 OSSUKINE A., Un Conseil d’Ethique ou de Déontologie (BIS), « Revue Algerienne Scieces Juridique, Economiques et Politiques », 1997, XXXV, 1, 263-255. OUYAHIA A., Décret exécutif n. 96-122 du 18 Dhou El Kaada 1416 corresponadnt au 6 avril 1996portant composition, organisation et fonctionnement du Conseil National de l’Etique des Sciences de la Santé, « Revue Algerienne Scieces Juridique, Economiques et Politiques », 1997, XXXV, 1, 254-252.

Anteprima della Tesi di Alessandro Patrizi

Anteprima della tesi: Bioetica e clonazione fra Islam e Cristianesimo, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Patrizi Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8678 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.