Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'adozione dei piani di ''stock option'' in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 mente, gli Autori ritengono che sia sempre possibile coprire il rischio generato dall’investimento in opzioni attraverso l’adozione di strategie di hedging, vale a dire costruendo un portafoglio di opzioni ed azioni sottostanti e cambiandone continuamente la composizione. 5 Trascurando qualsiasi considerazione critica, deriviamo, da tale assunto, il fondamento logico di tutto il modello Black & Scholes, vale a dire che, trattandosi di un investimento privo di rischio, in un mercato efficiente il rendimento prodot- to da un’opzione non può essere superiore a quello degli investimenti senza ri- schio aventi pari durata. In altri termini, il valore dell’opzione coincide con quello del portafoglio alternativo che, riproducendone gli effetti, ne annienta i relativi rischi. Da tale assunto discendono alcune implicazioni che vengono indicati come gli assunti particolari del modello: • il tasso di interesse applicato nei calcoli finanziari, accolti nella formula, equivale al rendimento degli investimenti senza rischio aventi scadenza pari a quella dell’opzione; la sua misura resta invariata per tutta la durata dell’operazione; • la distribuzione dei valori del titolo sottostante è di tipo log-normale, vale a dire che equivale ad una distribuzione normale applicata, anziché ai va- lori oggetto di analisi, ai loro logaritmi; • la volatilità del titolo, misurata dalla varianza 6 , è costante; • sul titolo non vengono pagati i dividendi; • l’opzione non può essere esercitata prima della scadenza; • non esistono costi transazionali, per cui è possibile compiere continue operazioni per adeguare il proprio portafoglio alle mutate condizioni di rischio, senza incorrere in abnormi livelli di commissioni ed altre spese; 5 Meo C. (2000), “I Piani di Stock Option: aspetti gestionali, valutativi e contabili”, CEDAM. 6 Somma dei prodotti delle deviazioni dal valore medio, moltiplicate per le relative probabilità.

Anteprima della Tesi di Sara Bonetta

Anteprima della tesi: L'adozione dei piani di ''stock option'' in Italia, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sara Bonetta Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6599 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.