Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problemi e prospettive della disciplina delle banche popolari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 1.3 Banche popolari e localismo Tra gli operatori creditizi a vocazione principalmente regionale o locale, un ruolo rilevante è rivestito, tradizionalmente, dalle casse di risparmio e dalle banche popolari. Le banche popolari si svilupparono all’interno di contesti urbani costituendo una risposta alla domanda di finanziamenti che proveniva da piccoli imprenditori e dai piccoli artigiani, i quali in questo modo riuscivano a difendersi dal pericolo di essere espulsi dal mercato dalle maggiori imprese manifatturiere, data la loro migliore organizzazione e maggiore concentrazione. In questo senso gli istituti di credito popolare si distinsero rispetto alle preesistenti casse di risparmio che invece inizialmente perseguivano il fine di combattere il pauperismo e di educare i meno abbienti al risparmio. In secondo luogo le popolari assunsero la struttura di società a responsabilità limitata. Peculiarità che consentì loro di raggiungere maggiori dimensioni rispetto alle casse che adottavano il regime di responsabilità illimitata, che rappresentava un vincolo al loro sviluppo dimensionale e geografico. La maggiore disponibilità di capitali e il più ampio raggio d’azione delle banche popolari ha indotto le stesse a offrire i propri servizi anche a clienti non soci, attenuando in tal modo il carattere mutualistico di questi istituti. Sebbene le banche popolari costituiscano una categoria estremamente eterogenea, comprendente sia istituti di grosse dimensioni che operatori di piccola taglia è tuttavia rintracciabile, nella quasi totalità di esse, il persistere di una forte vocazione al localismo. Un efficiente funzionamento del sistema bancario locale può avere benefiche ricadute sullo sviluppo economico territoriale e come si vedrà nel prosieguo, è questa una delle tesi che difendono coloro che non vogliono sia snaturato il modello di “banca popolare”.

Anteprima della Tesi di Carolina Deandrea

Anteprima della tesi: Problemi e prospettive della disciplina delle banche popolari, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Carolina Deandrea Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2622 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.