Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal sansimonismo al socialismo: l'itinerario intellettuale di Pierre Leroux durante la Monarchia di Luglio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VI XIX sec. – trait d’union ideale tra i lavori di Leroux durante tutto il corso degli anni Trenta e il sogno del maestro Saint-Simon – concretatosi infine nei lavori per l’Encyclopédie Nouvelle, rappresenta l’esito di una concezione del ruolo delle pubblicazioni periodiche al servizio dell’emancipazione umana, che si afferma attraverso l’elevazione culturale e morale di tutti i cittadini. La storia di Pierre Leroux in questo decennio è la storia delle sue iniziative pubblicistiche. Se si fa eccezione per l’anno 1831, durante il quale Leroux è impegnato come missionario del verbo sansimoniano, Leroux è costantemente alla direzione di un gruppo redazionale. Le sue riflessioni vivono negli scritti affidati alle colonne delle sue riviste: l’analisi del suo pensiero è inseparabile dalla sua attività nel mondo della stampa. Con questo studio si scandiscono le fasi dello sviluppo intellettuale di Leroux seguendo le differenti esperienze giornalistiche alle quali prende parte. L’andamento cronologico nella ricostruzione delle riflessioni discende come necessità dalla scelta di considerare in parallelo questi due aspetti della produzione di Leroux ed è altresì raccomandato da lui stesso, quando nel 1851, in occasione della stampa in volume delle sue opere 1 , medita a ritroso sul proprio percorso durante il ventennio della Monarchia di Luglio. Si prendono le mosse dall’anno che inaugura il ventennio orléanista, il 1830, che conduce Leroux e il giornale da lui fondato, il Globe, dall’impasse teorica e politica delle vecchie credenze ad una nuova tendenza delle idee, la religione sansimoniana. La rivoluzione di Luglio gioca un ruolo centrale nell’economia di questo primo capitolo. Davanti allo spettacolo delle barricate Leroux matura la decisione di abbandonare il credo liberale e, dopo aver assunto la direzione unica del giornale, ne fa dapprima il bollettino del popolo in armi durante le Tre Gloriose e in seguito l’organo di un riformismo radicale d’ispirazione repubblicana. Attraverso l’analisi delle cronache parlamentari degli ultimi mesi del regno di Carlo X, dei giorni della rivoluzione e degli editoriali del nuovo corso leroussiano si cerca di far emergere la voce di Leroux dal coro degli articolisti. Da collaboratore anonimo egli diventa, con l’esplosione della piazza parigina, l’anima incontrastata del Globe. Il secondo capitolo verte su un altro anno cruciale nella biografia leroussiana, il 1831, anno sansimoniano. Leroux ha ceduto il Globe a Enfantin che lo ha 1 Nell’introduzione all’edizione delle proprie opere nel 1851, Leroux medita sulla genesi della sua filosofia e riconosce che il metodo cronologico è l’unico che renda ragione del percorso seguito dai suoi pensieri dai primi abbozzi sino alla sistematizzazione definitiva. « Chaque pensée m’est venue à son heure et a été engendrée par celle qui l’avait précédée. L’ordre chronologique est donc ici non seulement convenable, mais nécessaire », in P. Leroux, Introduction a Œuvres (1825-1850), Slatkine reprints, Genève, 1978, t. I, p. XII.

Anteprima della Tesi di Francesco Magnani

Anteprima della tesi: Dal sansimonismo al socialismo: l'itinerario intellettuale di Pierre Leroux durante la Monarchia di Luglio, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Magnani Contatta »

Composta da 290 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1220 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.