Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal sansimonismo al socialismo: l'itinerario intellettuale di Pierre Leroux durante la Monarchia di Luglio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VII trasformato nel giornale della dottrina sansimoniana. Pur rivestendo ancora incarichi di responsabilità in qualità di direttore nominale, Leroux abbandona l’attività giornalistica per consacrarsi all’apostolato in provincia. In questo periodo si cementa il sodalizio tra Leroux e Reynaud, da cui prende avvio una collaborazione ed una comunanza intellettuale quasi decennale. Con la missione a Lione i due mettono per la prima volta in discussione le conseguenze politiche e sociali della dottrina di Saint-Simon, entrando in contatto diretto con la situazione materiale delle classi operaie del Midi. Oltre al piacere di raccontare le vicende non così consuete di una missione apostolica in una provincia dell’Europa contemporanea, l’attenzione rivolta alle predicazioni di Leroux e Reynaud ha consentito di fare accenno ad un’altra rivoluzione, dai caratteri tanto diversi da quella del Luglio ’30, la rivolta dei canuts lionesi, che impadronitisi della città nel novembre 1831, gettano per qualche tempo nel panico tutta la Francia, toccata direttamente dalla prima rivoluzione proletaria di tutto l’occidente. Nelle loro rivendicazioni per il diritto al lavoro e la riforma della proprietà, le orazioni dei due apostoli sansimoniani hanno esercitato un ascendente non trascurabile. Con la cronaca dettagliata di questi due anni si conclude la prima parte del lavoro, dedicata al rinvenimento delle esperienze inaugurali di tutta la traiettoria biografica di Leroux durante i vent’anni del regno di Luigi Filippo. I due seguenti capitoli sono consacrati rispettivamente alle due opere che vengono intraprese dopo l’abiura della dottrina sansimoniana, la Revue Encyclopédique, rivista di approfondimento teorico e di elaborazione di un piano di lavori enciclopedico, e l’Encyclopédie Nouvelle, il tentativo di realizzare in concreto il progetto di una sistemazione sintetica dei saperi umani. Questa seconda parte assume Leroux come soggetto assoluto della trattazione, attraverso una disamina analitica degli articoli della rivista e delle voci dell’enciclopedia. Attraverso la ricostruzione degli sviluppi del suo pensiero si giunge alla messa in chiaro della portata religiosa, filosofica e politica della dottrina che solo con gli anni Quaranta assumerà un ordinamento sistematico. Concludendo il lavoro si è voluto apporre un breve epilogo, dove si dà sommaria indicazione del peso di tali assunzioni teoriche alla luce della vicenda biografica successiva, che consacrerà Leroux come rappresentante del popolo rivoluzionario dai banchi dell’Assemblea Provvisoria. Infine un’appendice raccoglie una serie di inediti manoscritti, rinvenuti grazie alle ricerche compiute sul Fonds Enfantin, alla biblioteca dell’Arsenal, della città di Parigi. Si tratta di curiosi documenti, utili per gettare uno sguardo sulla vita vissuta dell’uomo, spesso nascosto dietro le vesti del pensatore.

Anteprima della Tesi di Francesco Magnani

Anteprima della tesi: Dal sansimonismo al socialismo: l'itinerario intellettuale di Pierre Leroux durante la Monarchia di Luglio, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Magnani Contatta »

Composta da 290 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1220 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.