Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme e strutture del musical: il caso anglo-americano e quello italiano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 fondamentale è la polivalenza artistica. Non è tanto importante, infatti, eccellere in una disciplina quanto saper convincere il pubblico di essere artisti completi e dunque capaci in tutto. 3 Il merito finale va a tutto il cast completo. Ecco perché un musical può essere facilmente paragonato e venduto, come un prodotto commerciale coperto da copyright: tutto è previsto in anticipo, incluse regia ed interpretazione e tutto deve essere mantenuto come nell’originale. La figura del regista resta comunque decisiva nel corso della realizzazione dello spettacolo perché è lui a deciderne il taglio, ad indirizzare e stimolare il lavoro degli altri collaboratori al fine di arrivare ad un prodotto mirato ed omogeneo; è sempre il regista ad apportare variazioni (spesso anche nel corso delle prove, cioè quando lo spettacolo ha già una sua forma concreta) e ad avere insomma l’ultima parola sulle scelte definitive. In questa fase è molto importante trovare investitori dotati di buon senso artistico che si mostrino quindi in accordo col regista, essendo loro i finanziatori del progetto e, quindi, nel diritto di esercitare potere sulla produzione stessa. 3 Per ottenere la parte nel musical “Barnum”, incentrato sulla vita del fondatore di uno dei più famosi circhi d’America, Michael Crawford (famoso per essere stato il primo “Phantom” in “The Phantom Of The Opera”) ha dovuto a suo tempo apprendere diverse arti circensi, tra cui proprio l’equilibrismo,e d allenarsi per lungo tempo prima di essere pronto ad andare in scena. Altro caso è quello di “Starlight Express” dove tutto il cast recita, canta, balla, lotta, si insegue, litiga e ci si riappacifica, tutto ciò sui pattini a rotelle.Impossibile dunque ottenere la parte, anche se in possesso di buone doti vocali e recitative,a meno di non essere pattinatori provetti. In un musical come “Cats ”, invece, interamente basato sull’impatto dell’espressività corporea dell’intero cast che si muove sul palco, i ruoli musicalmente più complessi di Old Deuteronomy e di Grizabella sono affidati ad interpreti più dotati, sia vocalmente, sia per quanto riguarda la recitazione. Allo stesso modo, quello di Mr.Mistoffolees, che prevede invece uno spettacolare virtuosismo coreografico e dunque richiede un ballerino di eccezionale capacità, è un ruolo, vocalmente parlando, poco importante.In questo caso è il compositore che ha provveduto ad approntare una partitura che non presenti grosse difficoltà nei ruoli cantati in modo di avere ampia scelta nella selezione (SARA VENTURINO, Musical istruzioni per l’uso, Milano, Ricordi 2000, p.173).

Anteprima della Tesi di Stefania Arbini

Anteprima della tesi: Forme e strutture del musical: il caso anglo-americano e quello italiano, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Stefania Arbini Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11104 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.