Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tecnologia al femminile. Uno sguardo antropologico sui nuovi scenari tecnologici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 sarebbero più vicine alla natura e per ciò stesso incapaci di conoscere e di agire all'insegna delle necessità oggettive. Secondo C. Merchant alla radice dell'identificazione delle donne con una forma di vita umana inferiore c'è la distinzione fra natura e cultura. Questo dualismo è un fattore chiave nel progresso della civiltà occidentale a spese della natura. “La cultura occidentale si fonda sull'assunto implicito della superiorità della cultura sulla natura. Gli antropologi hanno sottolineato che tanto la natura quanto la donna vengono percepite a un livello inferiore rispetto alla cultura, la quale è stata associata simbolicamente e storicamente all'uomo. Poichè le funzioni fisiologiche, proprie delle donne, della procreazione, dell'allattamento e dell'allevamento dei figli sono considerate più vicine alla natura, il ruolo sociale della donna è inferiore sulla scala culturale, a quello del maschio. Le donne sono svalutate dai loro compiti e ruoli, dalla loro esclusione dalle funzioni della comunità da cui si deriva il potere, e da motivi di ordine simbolico.” 5 E. Badinter afferma, citando F. Héritier, che nessuna società riesce a fare in modo che uomini e donne siano assolutamente simmetrici. Il principio sembra applicarsi con esattezza al caso delle società patriarcali. Qui i miti di origine e numerosi sistemi di filosofici sono basati su un sistema di categorie binarie, che contrappongono il maschile al femminile, come il superiore all’inferiore. “Situata al margine delle conoscenze, delle relazioni e delle pratiche che sono più valorizzate, collocata dalla parte degli strumenti o delle cose, delle attività disprezzate, dei comportamenti di dipendenza, per l'uomo la donna è l'altro più che il partner complementare; e questa alterità si dice e si rinforza, mediante il ricorso a sistemi di 5 Merchant C., La morte della natura. Donne, ecologia e rivoluzione scientifica, Milano, Garzanti, 1988, pp.192-193

Anteprima della Tesi di Valentina Diana

Anteprima della tesi: La tecnologia al femminile. Uno sguardo antropologico sui nuovi scenari tecnologici, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Diana Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1877 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.