Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tecnologia al femminile. Uno sguardo antropologico sui nuovi scenari tecnologici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 sosteneva era particolarmente influente. Donne liminali queste scienziate, spesso incoraggiate da parenti di sesso maschile, padri o mariti, ma assolutamente osteggiate dalla società e dalla comunità scientifica cui proponevano i loro contributi. A partire da Ipazia d’Alessandria, importante esponente del Neoplatonismo, uccisa da una folla di fanatici cristiani, queste donne ebbero vite con caratteristiche spesso comuni. Anzitutto, come già accennato, tutte poterono contare sull’appoggio di un uomo che si occupò della loro istruzione, generalmente il padre. Al di là di alcuni casi ‘felici’, che trovarono un marito con cui condividere gli interessi scientifici e le ricerche (emblematico il caso degli astronomi Maria Winkelmann e Gottfried Kirch o di Marie e Pierre Curie), queste donne pagarono il loro amore per la scienza e la ricerca con la solitudine e l’isolamento sociale. Una scelta che spesso assunse i connotati della vita monastica come nel caso di Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, la prima donna a conseguire una laurea in filosofia nel 1678. Risalta in queste biografie il carattere profondamente misogino di una comunità scientifica che, nelle figure di Robert Boyle e Isaac Newton, si palesa al punto da proporre la creazione di una comunità di scienziati vestiti con tonache e dediti alla ricerca scientifica e alla castità. In realtà, l’atteggiamento di diffidenza nei confronti delle donne che si occupano di scienza ha precise radici culturali che portano, come già accennato, ad identificare il principio maschile con la razionalità e la cultura e quello femminile con l’emotività e la natura. Da ciò deriverebbe quella naturale inclinazione verso la scienza e la tecnologia che distingue l’uomo dalla donna. Nel secondo capitolo si analizza il rapporto tra le donne e la tecnologia, in particolare l’informatica, e i problemi che più spesso si trova ad affrontare

Anteprima della Tesi di Valentina Diana

Anteprima della tesi: La tecnologia al femminile. Uno sguardo antropologico sui nuovi scenari tecnologici, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Diana Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1877 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.