Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tecnologia al femminile. Uno sguardo antropologico sui nuovi scenari tecnologici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 una donna che voglia intraprendere degli studi informatici. Un rapporto sul ruolo delle donne nel mondo della ricerca scientifica, redatto dall’ETAN (European Technology Assessment Network) per la Commissione Europea, offre un quadro piuttosto allarmante della realtà europea, data la comune caratteristica dei paesi comunitari di avere una bassa percentuale di donne in tutti i livelli del mondo della ricerca scientifica. Esiste un’abitudine radicata nella cultura occidentale di ritenere le ragazze più portate per le materie linguistico-letterarie e i ragazzi per quelle scientifiche, al punto che la competenza tecnologica è diventata un chiaro connotato di mascolinità. Esiste una suddivisione netta tra le sfere di competenza maschili e femminili per quanto riguarda le tecnologie e le donne occupano sempre la nicchia delle competenze meno gratificanti dal punto di vista sociale. Il fatto è che la competenza tecnica viene collegata alle capacità, che sono culturalmente definite. La ragione di questa attribuzione ha radici profonde nella storia occidentale, nella quale il genere femminile ha subito una forte svalutazione culturale a favore di quello maschile. Esiste un dualismo che vede nel principio femminile la corporeità e la natura, mentre in quello maschile il pensiero razionale e la cultura. La prima concettualizzazione filosofica di questo principio avviene con Aristotele che vede la donna come mera corporeità, utile al processo di riproduzione dove il maschio ha il ruolo più importante. La cultura greca assimilava la donna alla parte selvaggia della natura umana; laddove l’uomo rappresentava l’ordine, la donna era caos. Questa dicotomia originaria ha ratificato la supremazia di un genere sull’altro e l’ha estesa a tutti i livelli di vita e a tutti gli aspetti della conoscenza. Da ciò consegue che il sistema di divisione del lavoro, che in ogni società vede suddivisi i compiti tra i sessi secondo precise regole di attribuzione, porta ad affidare agli uomini le competenze riconosciute come più complesse e socialmente gratificanti. Questa realtà si

Anteprima della Tesi di Valentina Diana

Anteprima della tesi: La tecnologia al femminile. Uno sguardo antropologico sui nuovi scenari tecnologici, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Diana Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1877 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.