Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tecnologia al femminile. Uno sguardo antropologico sui nuovi scenari tecnologici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 condizione di essere sfruttato economicamente e socialmente. La divisione del lavoro nella cultura alto-tecnologica non solo porta ad affidare all’uomo le mansioni socialmente più gratificanti, ma quando un certo tipo di tecnologia diventa di dominio prevalentemente femminile, esso diminuisce di status o smette di essere considerata tecnologia. Così, in una società stratificata in base al genere quanto viene fatto dagli uomini, solo perché fatto da loro, è considerato compito più qualificato o difficile rispetto ai compiti femminili. Per esempio, in India la raccolta del riso è una mansione svolta da entrambi i sessi, ma nelle zone in cui questa attività è svolta solo dalle donne, è considerata un’attività facile, dove invece è una mansione maschile è ritenuta difficile. Più in generale si può dire che il controllo della tecnologia come il monopolio delle armi, sono attività per lo più vietate alle donne poiché consentono il controllo dell’organizzazione simbolica di una società. Tanto le caratteristiche ascritte alla scienza quanto quelle di genere si rivelano così costruzioni culturali modellate in funzione delle scelte di valore e delle stratificazioni di potere che prevalgono nella società. Ricostruendo il processo psicologico di formazione dell’identità di genere nelle primissime fasi della vita, E. Fox Keller mostra che all’iniziale fusione indifferenziata del bambino con chi si occupa di lui (generalmente la madre), subentra un processo di individuazione di sé che per i maschi è il riconoscimento di una diversità irriducibile, mentre per le femmine una separazione in cui però si prolunga l’identificazione con l’altra. Il canone dell’oggettività (che discrimina tra scienza e non scienza proprio in base alla capacità o meno di conoscere i fenomeni esterni prescindendo dal soggetto) appare segnato da una parzialità intrinseca: quella dell’identità maschile.

Anteprima della Tesi di Valentina Diana

Anteprima della tesi: La tecnologia al femminile. Uno sguardo antropologico sui nuovi scenari tecnologici, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Diana Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1877 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.